Phurpa – Il suono che purifica dalle profondità


4

Nel 1990 a Mosca, guidati da Alexei Tegin, un gruppo di artisti e musicisti si avvicinava allo studio della musica rituale; l’obbiettivo era quello di allontanarsi dalla musica che stava spopolando in quel periodo e recuperare le radici musicali nelle antiche culture Egizie, Iraniane e Tibetane.
Nel 2003 la lineup definitiva del progetto assumerà il nome di “Phurpa”. I membri che compongono questo gruppo sono accomunati dalle individuali ricerche nelle liturgie Bon e Buddhiste.

ph[n&a]02

Il tipo di canto utilizzato (Gyer) e gli strumenti tipici della tradizione Bon generano un sound inconfondibile e differente da altri prodotti simili. I brani che possiamo ascoltare dai loro CD non sono semplici canzoni ma vere e proprie tracce sonore di rituali e di preghiere utilizzate dai monaci Tibetani.
L’armonia si diffonde a partire dal canto delle sillabe magiche (che cioè generano una modificazione sulla realtà) che compongono i mantra, e viene poi integrata dagli strumenti rituali che il Leader del gruppo più avanti ci esporrà. Non ci sono sintetizzatori e soprattutto non vengono usati strumenti che non abbiano componenti organiche (molti strumenti sono ricavati da ossa umane).
Il sound può risultare spesso oscuro ma il contenuto dei brani è sempre dei più puri, e forse, anche in questo, risiede l’affascinante bellezza di queste preghiere tradizionali Buddhiste.

Il 7 Giugno del 2014 è stato rilasciato, presso la Zoharum, la nuova raccolta dei Phurpa che porta come titolo “Mantras of Bon”.

ph [n&a]03

Prima di lasciarvi all’intervista credo sia d’obbligo concentrarci brevemente sulla corrente religiosa che prende il nome di Bon.

IL BUDDHISMO IN TIBET
In Tibet non esiste una parola che significa “Buddhismo” [1], o ci si definisce Chos-pa (coloro che seguono il Chos) o Bon-po (coloro che seguono il Bon). [2]

IL BÖN
Il Bon è una religione pre-Buddhista che si è sviluppata principalmente nel Tibet e nel Nepal (anche se è arrivata a contaminare alcune zone dell’India e della Cina). I Bonpo riconoscono nella propria religione tre fasi importanti.
La prima fase viene denominata Jola-bon (Bon manifesto). In questo periodo erano venerate divinità che rappresentavano i principi maschili e femminili, diffusi erano inoltre i culti delle Divinità locali. Il Sacrificio rituale era una pratica quasi consueta per propiziare la benevolenza delle divinità; per stringere un patto; per inaugurare o occupare una casa la prima volta. [3] Un altro elemento caratteristico era l’estasi oracolare.
Nella seconda fase Kyar-bon (Bon differente) il Bon-Chos subisce il contatto con l’India e con le tradizioni Buddhiste e Brahaminiche (v. Induismo). In questa fase l’escatologia, l’etica e la metafisica Bon risultano molto simili a quelle del Buddhismo e il profeta Senrab Mibo viene identificato come un’incarnazione del Buddha. Le divinità Induiste trovano posto nella dottrina del Bon-chos: vengono considerate come entità luminose che hanno la capacità di influenzare i fenomeni. Esempi classici sono l’adattamento della dottrina Tantrica della Shakti e il culto della Yoni, oppure “Il Dio della Montagna” che è una trasposizione di Rudra.[4]
Nella terza e ultima fase, chiamata Gyur-Bon (Bon trasformato), la religione viene accettata ed in parte assorbita dal Buddhismo. Il periodo corrisponde a quello della Prima Epoca del Buddhismo in Tibet. Da questo momento le divinità del Bon verranno assorbite e inglobate dal Buddhismo Tibetano.
Ancora oggi il Bon sopravvive in Tibet e in altri luoghi.

Le pratiche più importanti della Tradizione Bon coinvolgono i Chakra e quindi il Tantra. L’obbiettivo principale di questa pratica è di ottenere uno stato di beatitudine e di liberazione dalla condizione negativa (la “realtà” è un’illusione), assumendo il controllo della percezione e della cognizione.
A questo fine la ritualità Bon prevede la recitazione di specifici Mantra con un tipo di canto che viene definito tantrico: in questa direzione sono orientati i Phurpa.
Tra gli strumenti che vengono utilizzati in queste pratiche, il gruppo ha deciso di rendere onore ad uno in particolare: il Phurba.

IL PUGNALE RITUALE

L1050369

Esempi di Phurba usati dal gruppo durante le performance.

Il Phurba è un pugnale rituale utilizzato in varie correnti del Buddhismo Tibetano. Può essere costituito di elementi naturali come il legno o vari metalli. È formato verticalmente da una testa (che è solitamente quella di una divinità), da un manico e infine da una lama (di tre lati, a forma piramidale). La sua struttura è studiata per assorbire, trasformare e dirigere le energie negative. Il simbolismo del Phurba può essere interpretato in vari modi: la testa può rappresentare sia il capo dell’uomo che il mondo superiore nella costituzione sciamanica dell’universo; il manico rappresenta il busto e il mondo di mezzo; la lama rappresenta le gambe e il mondo inferiore. [5] L1050370Ma un pugnale rituale non è solo uno strumento o un immagine che simbolizza una determinata divinità (come avviene con la Croce nella religione Cristiana), bensì è un essere Divino che porta lo stesso nome: Phurpa. [6] La divinità e l’oggetto, quindi, combaciano perfettamente. Nella pratica il Phurba è un’arma usata contro i Demoni. I Demoni nel Buddhismo sono entità che rallentano il percorso spirituale dell’uomo impedendogli di raggiungere la Buddhità, ovvero, lo stato di Illuminazione. Apparentemente questo potrebbe essere in contrasto con la dottrina della “compassione” (che consiste nel non nuocere a nessun Essere Senziente), ma in realtà, il Demone viene “ucciso” per compassione, liberandolo dunque dalle sue qualità negative (infatti nei testi Tibetani la parola utilizzata è “sgrol” (liberare) e non “bsad” (uccidere)).[7]

Dopo questa essenziale introduzione, vi lascio all’intervista fatta al leader dei Phurpa: Alexei Tegin.

Come nascono i Phurpa?
Non ho inventato i Phurpa, li ho solo ereditati. Phurpa (il divino) rappresenta l’elemento dell’attività e dell’azione.
Tegin in Iraniano antico significa principe; Shenrab Miwo è il fondatore del Bon ed era nato nell’antica Iran. L’ho quindi semplicemente ricordato.

phurpa 02bw

Come registrate i vostri album?
Tutti gli album più recenti sono registrati da performance live. Non scriviamo musica, registriamo soltanto ciò che succede nella realtà. Questo a prova che nulla può essere migliorato. Penso che le registrazioni in studio siano una menzogna. La nostra prima registrazione era stata fatta in studio; poi ci siamo avvicinati alla celebrazione e l’abbiamo abbandonata. Ora con la richiesta di Stephen O’Malley abbiamo iniziato a scrivere canti rituali nello stile Gyer [8]. Le registrazioni vengono fatte con un magnetofono Brown. Vengono usati microfoni a nastro (ribbon).
Chi esegue il rito usa il Canone (Buddhista n.d.T.) [9] come strumento di massima effettività. Non c’è posto per l’improvvisazione perché non è l’interprete ma è la forza che detta la realizzazione.
Nell’essenza e nel principio del Bon c’è la forza. Questa forza si manifesta in modi differenti. Non ci sono transizioni, solo il potere detta la forma. La manifestazione arriva attraverso la forza ed è come entrare in contatto con lei.
Quindi chi realizza il rito non sceglie la forma, ma semplicemente mette in atto il lavoro.
L’esecutore del rito non apprezza il risultato (non lo considera neanche come una vittoria personale, una sua capacità o un punto d’arrivo) che deve essere concluso ed assoluto.

phurpa++

Quali sono gli strumenti che usate e come?

L1050354 L1050343

L1050347

Nga: largo tamburo con doppio lato. Il diametro varia dai 50 cm ai 180 cm. Cantando si creano vibrazioni della voce a bassa frequenza. Spesso usiamo due tamburi che sono diversi di un semitono o di tre semitoni.

L1050363_01

L1050363_02

Dung-chen: tromba tibetana in bronzo lunga dai 2 m ai 3 m, rappresentano la voce degli Yidam [10]. Vengono usate sempre in coppia.

L1050363 - g - accord L1050304

L1050326

L1050321

L1050323

L1050319

L1050314

Bup e silnyen: piatti in bronzo.

L1050362 - eb

L1050363 - g - accord

Shang: una campana appiattita.

L1050302

L1050303

Poi anche rgya-ling: una specie di oboe.

L1050269

L1050270

L1050299

L1050301

Kanling: un piffero ricavato da una tibia umana, usato per evocare.

?

L1050264

L1050333

L1050334

L1050337

L1050372 - scull - stone

L1050378 - «»«Óá

L1050360

In che modo usate il canto?
Mentre cantiamo la nota varia in altezza, volume e timbro. Nello schema usato sono 15-17 semitoni. La melodia risuona all’unisono e si adatta meglio al canto recitativo. La configurazione ritmica recitativa è 5, 7, 9, 11.

phurpa+

Dove e come ascoltare la vostra musica?
Il testo dei mantra è parte del Canone. La melodia arriva nel sogno. Quando puoi unire insieme un’intenzione molto importante, volontà e forza interiore, il suono materializza un luogo magico. La Musica Sacra è un altro mondo e quest’altro mondo può alterare la coscienza. Se decidi di cambiare, inizia ad ascoltare. Per noi il luogo non ha importanza, il suono cambia il luogo.
Gyer e Gyu-ke sono due tipi di canto. Gyu [si traduce come] Tantra, kye [si traduce come] cantare; penso che le radici di entrambi siano profondamente radicate nel passato. I suoni della voce magica sono messi in pratica dai tempi più antichi, e questi suoni cambiano la mente (con cui si altera la realtà). Nel Bon il suono di base è la principale via di manipolazione magica.

xno 3

Cosa puoi dirci riguardo al vostro album di più recente pubblicazione: “Mantras of Bon”?
In questo CD sono riportati insieme frammenti di performance live lungo gli anni, ed altre in cui canta Alissa Nicolai. Mi piace il fatto che noi siamo fissi e che non ci muoviamo.

Phurpa live at Extreme Rituals : A Schimpfluch Carnival: http://vimeo.com/59409081

NOTE
Per la traduzione di alcune parti dal Russo si ringrazia Carolina Miron.
[1] In occidente questo termine accomuna una serie di tradizioni che seguono l’insegnamento di Siddhārtha Gautama.
[2] Cfr. “The Nine Ways of Bon: Excerpts from Gzi-brjid” edito e tradotto da D.L. Snellgrove per London Oriental Series , Vol. 18, Oxford University Press 1968.
[3] Cfr. Omacanda Hāṇḍā, “Buddhist Western Himalaya: A politico-religious history”, ed. M.L. Gidwani, New Delhi, 2001; pag. 257 a seguire.
[4] Ibidem.
[5] Cfr. “Himalayan thunder nails” di Peggy Malnati, presente nella rivista “Sacred Hoop”, n° 41, 2003; pag. 12 a seguire.
[6] Cfr. Thomas Marcotty, “Dagger Blessing, The Tibetan Phurpa Cult: Reflections and Materials”, ed. B.R. Publishing Corporation, 1987, Delhi; pag. 29.
[7] Ibidem; pag. 5.
[8] Gyer è uno stile di canto.
[9] Alla richiesta di ulteriori chiarimenti riguardo alla parola “canone”, l’artista ci risponde così: “il Canone è una struttura immutabile, il più assoluto insieme di elementi che servono per arrivare allo scopo”. I Canoni Buddhisti principali sono tre: il Canone pāli (o Pāli Tipitaka), il Canone cinese (Dàzàng jīng), e il Canone tibetano (composto dal Kangyur e dal Tenjur).
[10] Gli Yidam sono esseri perfettamente realizzati ma non (necessariamente) dotati di reale esistenza. Sono oggetto di meditazione soprattutto nel Buddhismo Vajrayana, e hanno come fine quello di provocare un cambiamento nella coscienza del praticante.

9

LINKS
http://www.phurpa.ru/
http://phurpa.bandcamp.com/
http://zoharum.bandcamp.com/album/mantras-of-b-n
http://www.discogs.com/marketplace?artist_id=1644117&ev=ab
https://www.youtube.com/channel/UCkTp8XHDA54ru1-LRhUdP5w
https://www.facebook.com/alexey.tegin

Annunci

Lo Zaum di Zeena


Self Portrait_1990

Self-portait di Zeena, anni 90, mai pubblicata prima.

Tra le personalità del Left Hand Path emergenti oggi in Europa molto importante è Zeena Schreck, il cui lavoro di una vita è dedicato a rilanciare in Occidente la consapevolezza della differenza che c’è tra un autentico percorso-sinistro delle tradizioni mistiche e tra le imitazione occulte. Gran parte delle sua ricerche, esperienze e insegnamenti riguardanti questo ambito sono presenti nel suo autorevole libro “Demons of the Flesh: The Complete Guide to Left Hand Path Sex Magic”, scritto con Nikolas Schreck.

Zeena Schreck è di origini Americane, vive a Berlino dove è conosciuta come artista interdisciplinare con l’unico nome ZEENA. Icona della controcultura, è famosa soprattutto per i suoi lavori come fotografa, artista grafica, musicista/compositrice, scrittrice, attivista dei diritti degli animali, Maga e Mistica. Ha praticato e insegnato Magia e meditazione per più di 30 anni. Le sue opere scaturiscono dalla sua esperienza mistica. A causa dell’ambiente familiare, fin da bambina, Zeena è stata esposta alla magia e alla stregoneria. Nel 1990, Zeena rinuncia alla religione pseudo-satanica della sua famiglia per trovare il suo percorso nei lignaggi spirituali del percorso sinistro nell’autentica tradizione Orientale. Oggi, è una praticante del Buddhismo Tibetano come yogini ed è la guida spirituale del Sethian Liberation Movement (SLM, fondato nel 2002).

Fra il 1988 e il 1993 Zeena è stata compositrice, cantante, musicista e graphic designer per il progetto magico-musicale Radio Werewolf (attivo dal 1984 al 1993). L’album più recente è : “The Vinyl Solution-Analog Artifacts: Ritual Instrumentals and Undercover Versions”.
Il suo progetto di graphic-art, “God Bless Charles Manson” è stato pubblicato in “The Manson File: Myth and Reality of an Outlaw Shaman”.

La sua istallazione artistica più recente (Novembre 2013) è “Zeena Schreck, Live From Eye of the Storm” in cui vengono trasmesse le sillabe sacre dalle pratiche tantriche del Vajrayana, dello Shaktismo e del percorso Sethiano-Tifoniano della mano sinistra, organizzato dall’artista visivo Frank Haines e presentato al Performa-13 (http://13.performa-arts.org/event/frank-haines-zeena-schreck).

Zeena ha scritto per VICE Magazine e per il periodico Beatdom ed attualmente lavora a progetti musicali e artistici.

Untitled_2000_#2

Dialectics

Come definiresti l’Arte?

Ci sono tanti tipi differenti di arte ed è per questo motivo che le persone si sentono spinte a creare. Nel mio caso utilizzo un approccio olistico. C’è sempre stato un inseparabile unità tra le mie pratiche spirituali e la mia arte. Questo approccio olistico all’arte, esattamente identico alle tecniche tantriche che pratico, si concretizza quando tutte le attività e gli aspetti della vita sono una parte di un continuo “work in progress” che contribuisce all’ultimo completo lavoro – sia dell’arte che del lavoro spirituale. Quindi ciò coinvolge tutte le attività, sia se stai comprando strumenti, preparando l’opera, mangiando, prendendoti cura di te, dipingendo, facendo sesso, dormendo, pulendoti, confezionando un regalo, guidando, facendo il genitore, contemplando, aiutando un amico malato, cantando, ecc. – tutti gli aspetti della vita se portati a termine coscientemente fanno parte di un possibile percorso, in modo che ogni più piccolo gesto contribuisca al più grande lavoro, che alla fine, metti da parte. Il tuo Magnum Opus – questa vita.

In questo senso, mi auguro che tu possa pensare che io sono un’artista ispirata, piuttosto che un’artista perfezionista o che sviluppa una particolare scuola o tipo d’arte, o ancora, un’artista che è più interessata all’aspetto tecnico dell’Arte. L’Arte ispirata è, letteralmente, quando il respiro delle energie divine o spirituali si muove insieme a te, e quindi non sei più la persona comune che sei abitualmente; costituita delle tue abitudini, condizioni, gusti, inclinazioni, circostanze, ecc.. Sei invece un medium per le energie che ti ispirano (inspirare) a creare. In antichità, il fenomeno era conosciuto come l’essere ispirati da una Musa. Sono nata con questo tipo di ispirazione a creare. Fin da quando ne ho memoria, ho da sempre avuto un impulso a disegnare e volevo solo stare lì, al centro del pavimento, nel tetto della nostra casa, o alla base delle scale bloccandole …solo per disegnare. Disegnavo su qualsiasi cosa trovassi in casa – spesso solo per irritare i miei genitori! Ero una disegnatrice maniacale. Disegnare mi dava una sensazione di totale pace lungo tutto il corpo, questo mi portò ad avere una sensazione di disagio come se ci fosse qualcosa di “sbagliato” se non avessi potuto immediatamente disegnare quando l’impulso mi fulminava. Non riuscivo a capire da dove provenisse questo sentire. Tutt’oggi non posso adeguatamente spiegarlo, è come un sogno: non puoi descriverlo completamente. Più tardi imparai che in antichità nascere con l’ispirazione creativa era considerato un dono degli Dei. Era pensiero dell’epoca, che se non si avesse fatto onore a questa ispirazione divina (o dono), adempiendo al proprio destino di creatore, gli dei non ti avrebbero visto favorevolmente. Lo considerano un oltraggio alla propria generosità, quando gli uomini sprecano le potenzialità che non sono concesse a tutti. Per questo motivo c’è la possibilità di perdere il proprio dono e la divina ispirazione passerà a qualcuno che ne è più degno. Questo è ciò che originariamente significava la frase “la Musa è andata”. Cosicché tu la attendi a lungo e la divina ispirazione è stata strappata da te per sempre. Quindi, probabilmente, da bambina ho avuto una specie di “ricordo” karmico circa qualcosa di simile a questo fenomeno mitologico.

Hand

Da bambina non ho mai desiderato le solite cose che i bambini chiedono come regali, giochi, giocattoli, bambole o vestiti popolari. Quello che realmente mi entusiasmava era avere strumenti e materiali artistici, in particolare materiali con cui fare le mie marionette. Da qualche parte dovrei avere depositato i miei disegni da bambina e alcune marionette di carta fatte da me, che risultano molto divertenti se si considera l’influenza alla quale ero esposta durante la crescita. Ho un ritaglio di giornale che riguarda una competizione giovanile d’arte che vinsi all’età di 6 anni. Era anche l’età in cui creavo degli spettacoli o dei balletti con gli amici del vicinato. A quel punto mio nonno mi spiegò come usare una vecchia fotocamera e mi innamorai della fotografia. Dai quattordici anni iniziai ad esercitarmi nel dramma e in teatro. Feci sei film sperimentali con dei compagni di classe e scrissi monologhi e scene per presentazioni ed esibizioni. Vidi quanti più film stranieri possibile generando un sempre crescente desiderio di vivere e lavorare nell’industria dei film Europea. Gli americani all’epoca si riferivano ai film stranieri come la “art-house” dei film. Dopo divenni una compositrice musicale. Quindi, il punto è, questa ispirazione creativa non può essere smorzata.

Nelle pratiche del Buddhismo tantrico ci sono molti fattori che determinano il perché una persona abbia predisposizioni per certe cose. Tralasciando per un attimo questa ispirazione a creare, ci sono sicuramente composizioni tematiche ricorrenti in molti dei miei lavori. Uno di questi elementi, che tu hai notato, sono la natura e gli animali. Un altro dei temi comuni che ho notato attraverso gli anni, è che io adoro lavorare con i chiaroscuri, e gli estremi. Qualche volta lavoro con colori molto vibranti e altre volte mi focalizzo soltanto sul nero e sul bianco. Inoltre faccio uso dello spazio come un elemento importante di un lavoro. Nella terminologia artistica mi riferisco allo “spazio negativo”. Lo uso al meglio nella mia musica e nei miei paesaggi sonori. Il silenzio è molto importante, tanto nei suoni quanto sulla tela o nella fotografia. Creare uno spazio vuoto, o comunicante ed espansivo, consente allo spettatore o all’ascoltatore di focalizzare l’attenzione e aprire la propria mente su cosa non è stato prontamente recepito. Lo spazio negativo è importante su molti livelli. Senza lo “spazio negativo” non ci sarebbe modo di riflettere sui contrasti di un oggetto in un quadro, o sulle note nella musica. Lo spazio è quindi molto importante soprattutto in senso spirituale. Mi riferisco alla comprensione tantrica della vuotezza.

Vedo l’arte anche come una forma di comunicazione – su molti livelli differenti e differentemente messi in atto da ogni artista. Nella mia arte provo a comunicare una circolazione inscindibile di energia tra i mondi interni ed esterni, lo stato di sogno e quello di veglia, il sottile e il grezzo, il massimo e le realtà relative, il mistico e l’ordinario, il femminile e il maschile. L’Arte è anche una riflessione. Tutto ciò che creo riflette su altri livelli cosa sto provando o ho provato. Questo è vero per qualsiasi lavoro artistico in qualsiasi epoca storica. Puoi riuscire a vedere o ascoltare un riflesso del suono, dell’energia o dello standard di vita in cui era l’artista durante la creazione. Lo trovo affascinante. Per farti un esempio, mentre ti scrivo questo, un vicino ha acceso la radio nella strada qui fuori dalla mia finestra, con un pezzo di Johann Sebastian Bach che ha attratto la mia attenzione. Ho notato ascoltandola che, oltre al talento, la precisione e l’energia del compositore, ci sia anche un effetto di capsula-del-tempo musicale che riguarda la pace e il modo di vivere all’epoca del compositore e che si riflettono nella composizione. Anche il mondo interiore dell’osservatore, o dell’ascoltatore, è riflesso posteriormente – questo ci riporta all’elemento della comunicazione. Da artista, sei in comunicazione remota con le persone di tutte le epoche – come Johann Sebastian Bach che è con me e il mio vicino in questo momento! Ho sempre trovato affascinante vedere come un’opera può essere differentemente percepita da persone diverse. Quanto spesso accade che percepisci un umore o una sensazione in un’opera d’Arte e qualcun altro percepisce qualcosa di totalmente differente nello stesso lavoro. Questo accade perché il tuo stato mentale contribuisce a selezionare cosa viene percepito, incluso l’Arte.

La mia arte è anche paradisiaca e ispirata dai sogni e dalle esperienze mistiche. Questi messaggi possono essere notevolmente chiari, senza significati ambigui, o possono essere espressi in un linguaggio di simbolismo e atmosfera. Tutta l’arte deriva dalla comunicazione tra i reami della veglia, dello spirito e dei sogni. Le pitture rupestri, le sculture degli animali totem, i ritmi ipnotici dei tamburi, i canti degli oracoli o la personificazione nei personaggi delle commedie morali – tutti questi sono esempi di arte che in origine erano trasmesse attraverso le esperienze mistiche ed oniriche. Non molto tempo fa, prima del nostro sviluppo obbligato dal mondo dall’ideologia antropocentrica-umanista, l’arte ispirata era sinonimo di magia, misticismo, animismo, sciamanismo, divinità, religione e magia. Questo è ciò che l’Arte è per me.

Burg Lockenhaus

Emanation

Cos’è la Magia (magic) per te?

Prima di tutto, grazie per averlo scritto correttamente, e per non aver aggiunto una “k” alla fine di “magic”. Vorrei rendere chiaro che la parola “magic” non ha alcuna connotazione positiva né negativa. Il mio libro Demons of the Flesh (a breve in ristampa in edizione rivisitata) spiega in dettaglio le origini e il significato della parola “magic”. Per farti un riassunto, la magia è un metodo o una tecnica. La parola ha radici nel Greco antico magike tekhne o “arte dei magi”. Da Demons of the Flesh:

«Il mago moderno fa bene a ricordare l’antica concezione di magia come arte, facendo attenzione al fatto che “tekhne” è la radice etimologica di “tecnologia”. Avvicinarsi alle pratiche magiche come se fossero un delicato equilibrio di intuito, arte estetica, logica e razionalità tecnologica – al tempo stesso come se fosse una scienza esoterica o (quella che una volta era chiamata) Magia Nera – può consentire un approccio più attento allo sviluppo delle proprie abilità».

In base a ciò, uno dei miei primi insegnanti Buddhisti mi disse che, per comprendere la complessità e la disciplina della pratica del Dharma, era davvero buono che io fossi un’artista perché queste pratiche sono più affini ad un arte piuttosto che a una religione. Mi disse che probabilmente il miglior modo che avevo per insegnare, era attraverso la mia arte. Questo, naturalmente, fu musica per le mie orecchie!

Per descrivere cos’è per me la Magia, è d’aiuto fornire la più ampia e accurata definizione di magia, che sorvola la cultura e le molte opinioni differenti. Questo estratto viene da alcune note che ho usato per una presentazione nel 2009 a Berlino sull’ argomento, Magic, Media and Meditation, brevemente riassunto così:

«La Magia ha una interpretazione molto soggettiva presso i differenti tipi di praticante. Ma c’è uno standard di base, una costatazione comune, che ogni mago accetta come nucleo della propria definizione. Come il praticante sviluppa poi le proprie basi, è determinato da molte variabili differenti in accordo alle proprie opinioni e alla pratica degli insegnamenti magici accessibili dalla propria cultura. Il nucleo pratico della magia è: l’esecuzione di un intento volitivo per creare un cambiamento nel mondo materiale, con cui resistere, affrettare o purificare l’effetto consequenziale della legge naturale di causa ed effetto».

Come l’arte, la magia è anche una forma di comunicazione che si rivolge a molti livelli apparenti e sottili. Il comunicatore infelice ha difficoltà a praticare magia con successo. Un mago potrebbe pensare di essere un comunicatore perfetto perché parla, scrive e legge molto. Ma collaudando le proprie abilità comunicative con esseri non-umani, diventa immediatamente chiaro dove è, o non è, capace a entrare in contatto con Gli Altri. Ad esempio, quelli che non sono in connessione con tutti gli animali, o che non hanno mai provato a comunicare insieme ad un animale, provando più spesso a controllarlo, saranno maghi infelici. Allo stesso modo, qualcuno che si sente sciocco o imbarazzato provando a comunicare con un’entità non visibile (cosa necessaria nella pratica Theurgica): invocazione, preghiere, incantesimi, visualizzazioni, e fondamentalmente qualsiasi tipo di magia, sarà un mago infelice. Una buona tecnica comunicativa (vorrei chiarire), non vuol dire che c’è il bisogno di avere molto da dire, o che bisogna parlare in continuazione per colmare i vuoti nella conversazione. Al contrario molti risultati effettivamente magici arrivano da una comunicazione chiara ma leggera, o attraverso emozioni indisturbate, o, ancora, in un linguaggio comprensibile soltanto da te e dall’essere con cui stai comunicando consapevolmente.

Ladders

C’è un energia inerente a qualsiasi cosa che costantemente fa vibrare le particelle sottili che formano tutta la materia. Noi oggi sappiamo che focalizzando e dirigendo i pensieri, possiamo cambiare la struttura molecolare, la qualità e l’energia della materia. Questo richiede, quindi, una chiara comunicazione con la mente, in stato di concentrazione. Considerando ciò, si può immaginare come la motivazione di un artista e del suo stato mentale influenzerà l’esito finale del lavoro. Questo è vero per tutti gli aspetti del vivere e del morire. Non solo riguardo al fare arte.

Per esempio, se vai in un ristorante e mangi un piatto preparato da un cuoco arrabbiato perché ha da lavorare fino a tardi, che è impaziente per la fine del suo turno, ed è risentito per il fatto che lavorerà di sabato notte mentre potrebbe fare qualcos’altro, tu mangerai queste emozioni tossiche attraverso il cibo. C’è una differenza nel modo di gustare un cibo quando è preparato da qualcuno che ti ama e fa pensieri amorosi incanalandoli nella pietanza (anche quando il cibo non è preparato perfettamente), paragonato ad una pietanza simile in un locale di una catena ristorativa pieno, preparato da un cuoco pagato da schiavo. I nostri pensieri sono quindi molto importanti quando creiamo qualcosa di artistico. Se abbiamo una mente dispersiva, distratta, emotivamente disturbabile, ciò si manifesterà – naturalmente – nell’arte. Se focalizziamo la nostra motivazione su cosa speriamo di realizzare facendo arte, anche se è semplicemente pensare o ripetere un’unica parola o frase, questo pensiero verrà trasportato all’interno dell’opera d’arte. Il tema potrebbe comunque essere spiacevole o disturbato (cioè, un fotografo di guerra, oppure, un’opera o poesia creata dopo l’esperienza di un regime politico repressivo o di una famiglia violenta). Se c’è una motivazione compassionevole mentre si lavora sull’opera, l’effetto dei pensieri compassionevoli resisterà comunque oltre il lavoro, nonostante il tono o l’apparente acidità dell’opera ultimata. Naturalmente, anche l’inverso è vero: soggetti piacevoli creati da una mente emotivamente disturbata, assorbiranno e convoglieranno questa energia.

Quindi, come se fosse una tecnica magica, uno dei pensieri più importanti per qualsiasi artista è di ricordare – prima di iniziare – di essere chiari circa la motivazione. In un contesto inferiore, è come iniziare a intendere la magia in un contesto di crescita: la pratica non finisce mai.

C’è sicuramente da dire molto di più sull’argomento Magia – abbastanza per un’altra intervista. Ma questo può darti un’idea di come io utilizzi la magia nelle mie creazioni.

Untitled_2003_#12

???????????????????????????????

Spesso nelle tue foto i soggetti sono paesaggi e animali, perché questa scelta?

La risposta più semplice è che io amo la bestia. Essere attorniati dagli animali e la natura mi fa sentire bene, quindi perché non fare ciò che ti fa sentire bene? È per questo che vivo nella foresta di Berlino e non nel centro della città. Il segreto più bello di Berlino è questo: ha la foresta più larga in estensione del resto delle capitali Europee. In contrasto a questo, prendi in considerazione uno dei film più famosi provenienti da Berlino, Metropolis, e il suo ritratto del lavoratore industrializzato e che svolge un lavoro monotono denigrando il lavoro in fattoria. Bene, questa era un riflesso della vita nella città di Berlino negli anni ‘20. Ma ciò che il film rappresenta, sul come la vita industrializzata aggredisca la psiche, oggi è molto più reale e interessa qualsiasi metropoli. La vita in città crea una dis-empatia, un malessere anedonico che scarica la vitalità e pesa sul sistema immunitario. Hai una libertà limitata di movimento e spazio, e confini te stesso in uno spazio personale molto selettivo e sorvegliato. Sei costretto a vivere nelle città come se fosse un grande macello umano, categorizzando tutto e nutrendo un desiderio di segregare. Ma in natura, i limiti sono poco definiti, avrai quindi, una sensazione di espansione piuttosto che di costrizione. In Giappone il Corpo Forestale ha creato l’idea di pulizia forestale ed oggi è ufficialmente riconosciuta ovunque come un attività di gestione dello stress. Ho notato che quando le persone vengono dal centro della città per visitarmi, commentano abitualmente su quanto istantaneamente si sentano meglio soltanto essendo attorniati da alberi, laghi e spazi aperti senza traffico o strade. Quando ritraggo le persone, attorniate dalla natura, nelle loro espressioni c’è una differenza evidente. Le persone si sentono molto più sollevate in natura. Negli ambienti di città, sottostando a circostanze frenetiche e frettolose, le espressioni utilizzate dalle persone sono molto differenti. Di continuo le persone felici mostrano una sottile tensione perché non possono interamente rilassarsi, prevedendo la prossima interruzione da qualsiasi dispositivo elettronico – non posso lavorare in questo modo.

???????????????????????????????

???????????????????????????????

Cosa pensi sia necessario per fare Arte?

Pazienza. Auto disciplina. Pratica. Fiducia. Gratitudine. Un senso dello humor, e di ciò che in Sanscrito è conosciuto come lila, il divino gioco creativo. Una “preparazione di sfondo della mente” è necessaria. Facendo chiarezza dal disordine mentale, si potrà raggiungere una trance sicura o uno stato meditativo che aiuti a diventare completamente assorbiti durante il lavoro. Se ti prepari prima di iniziare a lavorare, l’arte scorrerà liberamente. Non hai bisogno di “pensare” a cosa fare. Questo stato meditativo della mente creerà un tipo di entusiasmo (che significa letteralmente: un infusione di energia da una forza pura e potente) che influirà sul prodotto finale.

A causa del mio modo di lavorare, sono molto selettiva riguardo alle persone con cui lavoro e i progetti a cui collaboro. Considero accuratamente l’energia, l’abilità e lo stato mentale delle persone con cui lavoro perché questo influirà sul risultato finale del progetto. Nella scelta di un apprendista o un assistente, è molto importante per me lavorare con quelli che hanno un temperamento simile volto a mantenere un’atmosfera coesiva e favorevole durante la creazione. Quando è il momento di fare il lavoro, scelgo chi non si distrae, ha una buona concentrazione, non è preoccupato dalle frivolezze, non è impaziente, e non è in attesa dello “spasso” di iniziare, sono cose importanti. Questo è vero per tutti gli artisti ispirati. È un temperamento particolare; un modo di lavorare con cui hai una visione chiara e puoi quindi lavorare solo con persone che comprendono il tuo modo di operare. In altre parole, non sono quella che tendo a chiamare “congregational artist” (artista da congregazione) – ovvero, qualcuno che si impegna nell’arte, solo per sentire un senso di accoglienza tenue in comunità con “persone che la pensano uguale”. Fareste meglio a unirvi agli Hare Krishna, se è questo ciò che cercate.

Northern Symptom

Per creare c’è bisogno del “fuoco nel ventre” (fire in the belly, è anche un idioma che significa “lottare con tutte le forze”, n.d.t.). Un impellente sensazione del tempo che passa e della sua caducità. È la consapevolezza che se non ne approfitti nel momento in cui ce l’hai, non l’avrai più nello stesso modo. Non registrerai mai il pezzo in modo soddisfacente senza completarlo…ora; non filmerai mai la scena come lo faresti in questo momento se aspetti domani. Il “fuoco nel ventre” è il senso di necessità. Che non c’è tempo da sprecare. A prescindere dalle circostanze, l’accessibilità a materiali utili, tempo, condizioni finanziare o ostacoli …gli artisti che sono ispirati a creare hanno un fuoco inarrestabile. Essere realmente ispirati a creare significa che non puoi dire di dover aspettare di comprare un nuovo notebook per scrivere: scriverai con qualsiasi cosa tu hai o troverai un modo per farlo comunque. Non puoi dire che hai bisogno di aspettare quando avrai più tempo per iniziare a disegnare. Crei il tempo o lo sacrifichi dalle attività sciocche della tua vita. Non affermerai i tuoi gusti creativi se non sei già con il giusto compagno sessuale nella tua vita. Integrerai i tuoi desideri per il giusto partner sessuale nella tua creazione. Quindi probabilmente, come nel Pigmalione, la tua Galatea apparirà nella tua vita. Non sarai un ansioso geeky nerd riguardo ai materiali o strumenti che ti servono, e nel caso della loro mancanza non potrai creare. Se hai con te il fuoco per creare musica, creerai i tuoi strumenti. Se sei realmente ispirato, non avrai voglia di bere o prendere droghe per simulare la creatività perché altrimenti verrai intossicato dal processo di creazione. Quando hai l’ispirazione adeguata e la fiamma interiore creativa, è come essere un bambino che è pronto a nascere – non può essere partorito in un momento migliore rispetto a quello in cui accade. Questo è ciò che succede ed è come essere innamorati, non puoi resistere.

Untitled_2000_#3

Intersection

Hai dei progetti in sviluppo?

Sto lavorando a tre progetti differenti simultaneamente, coinvolgono la musica, la scrittura e l’arte. In generale non parlo dei progetti in corso, prima che siano completati o siano vicini al completamento. Ma per questa intervista, ho incluso alcuni esempi di fotografia al quale sto lavorando. Considerando questa intervista, come il mio lavoro passato, presente e futuro, tutti come frammenti del mio Gesamtkunstwerk, o del mio progetto artistico di ispirazione olistica… un “work in progress”.

???????????????????????????????

???????????????????????????????

???????????????????????????????

LINKS

Web site: http://www.zeena.eu
Facebook: https://www.facebook.com/pages/ZEENA-Official-Zeena-Schreck/457574407625501
YouTube Channel: http://www.youtube.com/user/ZeenaSchreckOfficial
Wiki Page: http://en.wikipedia.org/wiki/Zeena_Schreck
VICE: La figlia del Demonio http://www.vice.com/it/read/la-figlia-del-demonio-a8n4
VICE: Archives for Zeena https://www.facebook.com/notes/zeena-official-zeena-schreck/archives-zeena-at-vice-magazine/581630478553226
Performa-13 Art Installation description http://13.performa-arts.org/event/frank-haines-zeena-schreck
Performa Review: http://bushwickdaily.com/2013/11/the-left-hand-path-leads-to-performa-13/

[English version]: http://www.zeena.eu/index.php?option=com_content&view=article&id=114:interview-with-zeena-schreck-by-luca-piccolo-for-italian-art-magazine-wsf-social-center-for-art-february-21-2014&catid=41:articles-a-interviews

Tutte le immagini qui proposte sono di proprietà di Zeena Schreck e sono state pubblicate con la sua autorizzazione. © All images copyright Zeena Schreck.