Poesie di Elio Grasso


OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Testi scelti da “E giorno si ostina”

da Il sangue è questo

III

Anche tu hai il futuro nel corpo
le radici che spuntano dalle dita
di barbara consistenza seminando
i nomi dei paesi in tutto il ventre

durante l’urto e il bacio cedendo
all’identico cielo dopo i due mari
e tutto apri in quell’unico attimo
poiché su terra di stirpe antica vai.

V

La bocca il suo scatto di vergine
scuote il sangue fin dove riporta
nella promessa negli anelli stellati
che placano in due mani il tumulto

così attende il fruscio delle sete
l’amore suggellato dalle sue linee
della fortuna queste gambe di rosa
soffiata di decise nascite congiunte.

***

da La realtà cresce

I

La realtà cresce durante gemiti smaglianti
ma stendersi nuda e decorata fa nuotare
nel vuoto della bilancia secondo regole

amorose e rugiade appena contratte sul
lenzuolo proprio lì dove raccogli il seme
dalla parete esperta di notti già oscurate

oggi appuntite di scalpori di unghie gesti
onnivori però quanto torpore si trova
nel tuo abbondante braccio intemperante.

IV

La realtà cresce durante destini smaglianti
talvolta dentro la brina passando capelli
fra le dita del cuore segreto la sua danza

fra il nulla quel premere dell’esteso fondo
a rivedere scoppiare i fuochi disegnando
l’anima dispersa nello stomaco creato

così è il rumore delle nascite fondendo
pieghe e pensieri ma quanti sono gli anni
vapore della storia l’enfasi della sostanza.

***

da Il lavoro della donna

III

Veste del ventre quel prodigio che ora
trascende l’onda la tintura sulle spalle
ovvero la caduta dei frutti su lei china

a interi crepuscoli bruciati nelle notti
scendendo fino ai miracoli dati all’aria
della terra e lungo le sorti dei fili marini

volendo leggere qui dentro sorgono dita
se qualcosa del precedente tempo morde
bisogna riprendere a vedersi dilagando.

V

Verso l’intero sangue spalmare finendo
la solitudine dietro le spalle raccolte
questo stimolo della speranza viene

contro l’anima interminabile l’argilla
nella stanza per le prime foglie rese
alle snervate violenze della penombra

ma vai previdente di parole lastricate
perfetta nel dire ovvero questo discanto
delle sole mani curate mani già state.

***

da Ogni volta la poesia

I

Perché ogni volta la poesia si ravvede
ogni volta i capelli vanno al primissimo
piano rispondendo alla ruga della terra
della dovuta mano sotto la pelle ansante

rispetto del fuoco prima di andarsene
sull’orlo però questa voglia d’abitante
divampando trova anche la porta madre
parete feconda radici di ogni sua strada.

IV

Perché ogni volta la poesia si contende
i gradini della casa sua libera scelta sul
letto più fondo e citando la sola e nuda
cortesia per il morbido senza malattia

basterebbe la storia di un dio insistente
per l’insonnia e la rivoluzione carnale
seguente la mano nervosa sul telefono
la snella oscillazione d’altra fiorita cosa.

***

da E giorno si ostina

I

E giorno si ostina sapendo ostinarsi
la macchia la febbre ardenti venature
viste e corrose perché funziona l’arte
del sonno vicino alla colonna vertebre
accurate per il coltello sistemando
la casa l’incasellato silenzio le mani
composte dove scivola via quel peso
incenerito nel gran potere del giorno.

VI

E giorno si ostina saltando sul corpo
la sua idea di saldare il rigoglioso
frastuono dell’inguine alla bocca
mai ritorta in metafisica sostanza
ma stava nel calore come un cane
cosa sapeva della morte del sangue
futuro sapendo il misfatto carnale
avvilupparsi al futuro atterrandolo.

****

Biografia

Elio Grasso è nato a Genova nel 1951. Poeta, critico, ha pubblicato le raccolte di poesia Teoria del volo (Campanotto, 1981), Avvicinamenti (Ripostes, 1983), L’angelo delle distanze (Edizioni del laboratorio, 1990), Nel soffio della terra (Guardamagna, 1993), La prima cenere/Conservatori del mare (Edizioni del laboratorio, 1994), La soglia a te nota (Book, 1997), L’acqua del tempo (Caramanica, 2001), Tre capitoli di fedeltà (Campanotto, 2004), E giorno si ostina (puntoacapo editrice, 2012), Varco di respiro (Campanotto, 2014). Del 1988 la silloge Il naturale senso delle cose (nell’antologia di Vanni Scheiwiller “All’insegna del pesce d’oro”, 1989, Premio Montale per l’inedito).
Ha tradotto Four Quartets di T.S. Eliot (Palomar, 2000), una scelta dei Sonetti di W. Shakespeare (Dell’amore, Barbès, 2012), 18 poesie di E. Carnevali (Ai poeti e altre poesie, Via del Vento, 2012). Ha curato un’antologia dallo Zibaldone di pensieri di G. Leopardi (Un solido nulla, Pirella, 1992).
Per Effigie ha pubblicato nel 2015 il romanzo Il cibo dei venti.
Scrive soprattutto per le riviste “Poesia”, “Steve”, “Italian Poetry Review”, “Gradiva”. E’ stato tradotto in inglese da E. Di Pasquale, in francese da J.-B. Para, in rumeno da E. Macadan.

Poeta proposto da Emilia Barbato.
Poesie scelte da Antonella Taravella

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...