Bologna In Lettere 2015: 5 domande ad Enzo Campi


base-programma-x8

Bologna in Lettere 2015, la poesia torna ad invadere Bologna e prima di presentarvi il programma dettagliato, facciamo una piccola chiacchierata con l’ideatore di questo bellissima iniziativa, Enzo Campi, critico, poeta, scrittore,autore e regista teatrale.

Come nasce il progetto Bologna In Lettere?

Bologna in Lettere non nasce dal nulla o come per incanto. È la prosecuzione di un progetto nato nel 2010 e denominato Letteratura Necessaria. Nella fattispecie era un progetto di aggregazione letteraria e si basava essenzialmente sulla creazione di una sorta di rete, un circuito esteso a tutto l’arco del territorio nazionale, che coinvolgeva di volta in volta, per ogni città, almeno un autore o un organizzatore di eventi con il quale concordare le modalità di realizzazione dell’evento e gli autori da invitare. Veniva così a realizzarsi un progetto come dire multiforme, mai uguale a se stesso, in continua mutazione. All’interno di questa struttura venivano poi create delle specifiche tematiche e delle veicolazioni , per così dire, atipiche della cosa letteraria. Avevamo creato una serie di rassegne nella rassegna, che venivano declinate attraverso vari step. Tra queste vorrei ricordarne almeno due: C’era “Il Baratto” in cui agli autori veniva chiesto non di leggere le proprie opere ma opere di altri autori, c’era “Babel” che ha sfornato tutta una serie di traduzioni in vare lingue create anche ex-novo, cioè realizzate proprio per l’occasione. Con questo progetto sono stati realizzati nel corso di 3 anni più di 70 eventi che, oltre Bologna, hanno toccato le principali città italiane da Torino a Napoli, passando per Milano, Parma, Mantova, Padova , Venezia, Verona, Reggio Emilia, Cesena, Pesaro, Firenze, Roma, Caserta, ecc
Lo spirito di aggregazione insito nel progetto si è poi trasferito di sana pianta nell’idealizzazione di un festival. Bologna in lettere nasce così. Conserva la voglia di aggregazione, di scambio, di confronto, di approfondimento e perché no, anche di vetrina che aveva caratterizzato quelle che nel progetto di Letteratura Necessaria venivano chiamate “azioni”, non perché accadeva qualcosa di cruento o di necessariamente fisico, ma perché c’era la volontà di compiere un gesto, un gesto emblematico e che soprattutto potesse essere riconosciuto e identificato.

E’ facile oggi, in Italia, portare avanti un progetto letterario di tale portata?

In Italia, quando si parla di cultura nulla è facile. Spesso gli ostacoli (burocrazia, scarsa attenzione dei media, mancanza di finanziamenti, reperibilità di strutture adeguate, ecc.) possono sembrare insormontabili. Ma, forse, la chiave di risoluzione è semplicemente quella di crederci sul serio e industriarsi per cercare collaborazioni “mirate” alle specifiche esigenze, e per ammortizzare il più possibile i costi vivi di gestione. La prima edizione di Bologna in Lettere, che si è consumata in una sola giornata, ha scelto di caratterizzarsi attraverso un format atipico, inusuale, quello della maratona non stop di eventi. Nel 2013 abbiamo aperto le danze al mattino nelle scuole e siamo andati avanti, senza interruzioni, fino alle 24, coinvolgendo circa 200 autori in una ventina di diversi spazi tutti dislocati nel centro storico di Bologna, perché poi c’era e c’è ancora oggi la volontà di creare una sorta di percorso, di mettere in movimento sia il pubblico che gli autori. Non a caso nell’editoriale di presentazione del progetto del 2015 si parlava di “agitazione della cosa letteraria” (visionabile qui https://boinlettere.wordpress.com/2014/11/03/bologna-in-lettere-2015-sistemi-dattrazione/ ) e di “agit-prop-poetry”.
Nel 2014 invece, in occasione della seconda edizione del festival, abbiamo osato un piccolo passo in più. Il festival si svolgeva su 2 giornate, in una quindicina di spazi, la cifra degli autori coinvolti era più o meno intorno alle duecento unità come il primo anno, e abbiamo anche cominciato a ragionare in termini di focus realizzando degli approfondimenti a più livelli su autori, per così dire, classici.
Nella naturale crescita del progetto, giungiamo alla terza edizione con una svolta decisamente significativa: 6 giornate di programmazione. Le prime 5 dedicate ai focus, agli incontri tematizzati (Pasolini, Pagliarani, Vicinelli) e alle cosiddette vetrine multidisciplinari (“Vetrine del nuovo millennio – Macchine e macchinazioni”), e l’ultima giornata, in un regime più libero, dedicata alla consueta maratona di eventi che invaderà pacificamente il centro storico cittadino.

Parlami del Concorso indetto.

Tra le varie iniziative, quest’anno abbiamo inteso bandire due Concorsi Letterari dedicati a Pasolini. Per prima cosa abbiamo cercato di partire dal basso – in senso anagrafico- , di coinvolgere cioè le scuole. Una volta ottenuto il patrocinio dell’Ufficio Scolastico Regionale (che sarebbe poi l’ex provveditorato agli studi) abbiamo indetto un concorso letterario riservato proprio alle scuole in cui si chiedeva agli allievi di produrre degli elaborati ispirati ad alcuni cortometraggi di Pasolini. La risposta è stata piuttosto soddisfacente con la partecipazione di diverse scuole, dalla Calabria alla Lombardia all’Emilia. Il concorso tra l’altro è stato vinto proprio da una ragazza bolognese che per caso o per segno del destino frequenta il Liceo Galvani che è quello dove ha studiato Pasolini, perché poi non dobbiamo dimenticare che Pasolini è nato a Bologna. A questo primo concorso ne abbiamo naturalmente aggiunto un altro, riservato agli adulti, che ha visto la partecipazione di autori provenienti da tutto l’arco del territorio nazionale. Con la collaborazione di un editore milanese, Marco Saya, abbiamo prodotto anche un libro, che verrà presentato in anteprima nazionale nell’ambito degli eventi del festival, con contributi critici e creativi di vario tipo di Sonia Caporossi, Roberto Chiesi (Direttore del Centro Studi Archivio Pier Paolo Pasolini della Fondazione Cineteca di Bologna), Vladimir D’Amora, Antonella Pierangeli, Marco Adorno Rossi, Enzo Campi. In questo volume il cui titolo è “Pasolini, la diversità consapevole”, è inclusa la riproduzione del dattiloscritto originale (1962) della prima stesura di “Supplica a mia Madre” di Pasolini. L’ultima sezione del volume raccoglie i testi dei finalisti dei due concorsi. e verrà presentato in anteprima nazionale nell’ambito degli eventi del festival.

Link risultati:

https://boinlettere.wordpress.com/2015/04/10/bologna-in-lettere-2015-esiti-dei-concorsi-letterari/

Parlami dell’autofinanziamento e se durante questi week-end è possibile ancora partecipare con offerte.

I tempi sono quelli che sono, la crisi impera. Le iniziative culturali, almeno in Italia, non rappresentano una priorità. Per le ragioni già espresse prima, si rendeva necessario creare delle forme di finanziamento “alternative”. Oltre ai proventi acquisiti con le quote di partecipazione ai Concorsi, abbiamo organizzato una serata a microfono aperto in cui era possibile acquistare alcuni libri messi a disposizione dagli autori di Bologna in Lettere, e una sorta di crowdfunding autogestito. In poche parole abbiamo creato un evento, via web, volto ad acquisire delle piccole sottoscrizioni. Naturalmente non si trattava di una richiesta fine a se stessa, ma di un vero e proprio “do ut des”. Per ogni sottoscrizione si riceveva, in cambio, una plaquette realizzata appositamente per l’occasione e prodotta dal Festival. Naturalmente è ancora possibile partecipare a questa forma di promozione della cultura (https://boinlettere.wordpress.com/2015/03/20/bologna-in-lettere-2015-sottoscrizioni/ ).

Il futuro di BIL.

Lo scopo di Bologna in Lettere è quello di raggiungere una propria radicalizzazione nel territorio che pesi sempre più a livello nazionale e soprattutto che venga considerato patrimonio culturale della città in quanto punto di riferimento per la cultura letteraria. Le intenzioni – per quanto ciò non sia ancora accaduto, o sia in una situazione di work in progress – sono quelle di imbastire una tessitura di rapporti e collaborazioni con le istituzioni culturali cittadine e nazionali e con altri organismi simili per favorire la crescita qualitativa e per creare una sorta di gemellaggio tra organizzatori di eventi e tra i vari festival, proprio al fine di dare un valore aggiunto al concetto di aggregazione espresso in apertura.

gic-4-1-cop-def

PROGRAMMA

Il Comitato Bologna in Lettere, con il Patrocinio del Comune di Bologna, con il Patrocinio – per le iniziative relative alle Scuole – dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia Romagna, in collaborazione con il Centro Studi Archivio Pier Paolo Pasolini della Fondazione Cineteca di Bologna, in collaborazione con Marco Saya Editore, in collaborazione con Cassero Lgbt Center, presenta “Sistemi d’Attrazione”, la Terza Edizione del Festival Multidisciplinare di Letteratura Contemporanea: “Bologna in Lettere”.

*

Venerdì 15 Maggio

Cassero Lgbt Center
Via Don Minzoni 18 dalle 19.00 alle 23.00
Pasolini, la diversità consapevole

La macchina miracolante
(Recital ispirato alla corrispondenza epistolare tra Pasolini, Leonetti e Roversi, dalla quale è scaturita l’esperienza della rivista letteraria bolognese “Officina”)
Testi e Regia Enzo Campi – Con Alessandro Brusa, Enea Roversi Musiche Mario Sboarina

VETRINE DEL NUOVO MILLENNIO – MACCHINE E MACCHINAZIONI
Cura e conduzione Enzo Campi

Pinina Podestà Defigurazioni (video-arte)
Nicola Frangione Resistenzialismo (recital)
Mona Lisa Tina Per la tua carne (performance)

Oblom Scintillazioni (Squarci e bagliori di invisibili collassi)
Azioni ed effetti di Oblom Poesia

Salvatore Sblando, Ogni volta che pronuncio te
Teatro della gravità, Il raggio di Schwarzschild , Testi Fabrizio Bonci, con Ivo De Palma
Ivan Fassio, Ritrosia, poesie a ritroso

*

Sabato 16 Maggio

Cassero Lgbt Center Via Don Minzoni 18 dalle 19.00 alle 23.00

ANTEREM – 1976-2015 – QUARANT’ANNI DI POESIA E PENSIERO
Incontro con i redattori della rivista letteraria “Anterem”
Cura e conduzione Enea Roversi, Alessandro Assiri

con Flavio Ermini, Ranieri Teti, Giorgio Bonacini, Rosa Pierno
Laura Caccia, Davide Campi, Marco Furia, Mara Cini
Pasolini, la diversità consapevole

Stefano Casi, Bologna, le contraddizioni di una città pasoliniana per caso

VETRINE DEL NUOVO MILLENNIO – MACCHINE E MACCHINAZIONI
Cura e conduzione Enzo Campi

Andrea Inglese, Stefano Delle Monache Lettere alla Reinserzione del Disoccupato (performance/installazione)
Tiziana Cera Rosco Patientia (performance)
Maria Korporal Prospettive circolari del terzo occhio (video-arte) con un intervento live di Nina Maroccolo
Nina Maroccolo, Emiliano Pietrini
I decifratori dell’Èra guasta
(voce suono e disturbo valvolare di frequenza)

*

Venerdì 22 Maggio

Cassero Lgbt Center Via Don Minzoni 18 dalle 19.00 alle 23.00

Proseguendo un finale – Focus su Elio Pagliarani
Cura e conduzione Francesca Del Moro in dialogo con Maria Concetta Petrollo
Relatori Luigi Ballerini, Francesco Muzzioli, Biagio Cepollaro
Vincenzo Frungillo, Sonia Caporossi, Luciano Mazziotta
Letture e testimonianze Maria Concetta Petrollo, Rosaria Lo Russo Carla Chiarelli,
Sara Ventroni, Rita Galbucci, Nadia Cavalera
Proiezione di un estratto del film “La ragazza Carla” regia di Alberto Saibene,
Un film di Carla Chiarelli, Carlotta Cristiani, Gianfilippo Pedote, Alberto Saibene
Con Carla Chiarelli
Fotografia di Luca Bigazzi e Simone Pera

Proiezione del video della performance “Intellettuale” di Fabio Mauri
Introduzione di Roberto Chiesi
Antonella Pierangeli Supplica a mia madre (Lectio magistralis)

*

Sabato 23 Maggio

Cassero Lgbt Center Via Don Minzoni 18 dalle 18.00 alle 23.00

Premiazioni del Concorso Letterario di Scrittura Creativa riservato alle Scuole A cura e con Maria Luisa Vezzali, Loredana Magazzeni, Enzo Campi

Premiazioni del Concorso Letterario “Sistemi d’Attrazione” Cura e conduzione Sonia Caporossi, Antonella Pierangeli con Marco Saya, Alessandro Assiri, Luca Ariano

Partecipano alle premiazioni i vincitori e i finalisti:

Patrizia Santi, Maurizio Camerini, Fernando Della Posta
Silvia Rosa, Daniele Andreis, Valentina Frisone
Francesca Maria Marziano, Eleonora Fidelia Chiefari, Costanza Venturoli

Marco Saya presenta il volume Pasolini, la diversità consapevole curato da Enzo Campi

con contributi di Sonia Caporossi, Roberto Chiesi, Vladimir D’Amora
Antonella Pierangeli, Marco Adorno Rossi, Enzo Campi

La poetica del basso continuo Incontro con Ida Travi

Introduzione e critica Alessandra Pigliaru

Una poesia fragile e temeraria – Focus su Patrizia Vicinelli

Cura e conduzione Daniela Rossi

Con Cecilia Bello Minciacchi, Niva Lorenzini, Rosaria Lo Russo, Jonida Prifti

Sonorizzazioni Patrizia Mattioli

*

Venerdì 29 Maggio

Cassero Lgbt Center Via Don Minzoni 18 dalle 19.00 alle 23.00
Pasolini, la diversità consapevole

Peter Carravetta,
Sulla rivoluzione incompiuta di Pasolini, Edizioni Diaforia
Presentazione di Daniele Poletti

Roberto Chiesi, Una terra separata, un’isola – Appunti sulla Bologna di Pasolini

Proiezione del documentario Pier Paolo Pasolini di Carlo Di Carlo con un’introduzione di Roberto Chiesi

Dome Bulfaro, Io non ritratto, con videoritratti degli allievi della classe 5D
del Liceo Artistico Statale “Lucio Fontana” di Arese (MI)

Oltre ogni possibile fine: Versi per Pier Paolo Pasolini
Cura Claudio Finelli, Carmine De Falco

con Bruno Galluccio, Ferdinando Tricarico,
Omar Ghiani, Costanzo Ioni

Affabulazioni, Narrazioni per l’a venire
Sonia Caporossi P.P.P. (da Opus Metachronicum, Edizioni Corrimano, 2014)

Antonella Pierangeli Voci, ruderi e pale d’altare. Pasolini e la memoria del paesaggio culturale

*

Sabato 30 Maggio

LIBRERIA COOP ZANICHELLI – Piazza Galvani 1/H

11.00/13.00 Una modesta proposta_progetto

Tavola rotonda sull’editoria di poesia e sul pensiero pratico
A cura e con Mariangela Guatteri (Benway Series)
Daniele Poletti (Diaforia), Luca Rizzatello (Prufrock spa)

SPAZIO 100300 – Via Centotrecento 1/A

13.00/15.30 Concatenazioni (Pranzo con poeti alla carta)
Cura e conduzione Martina Campi, Mario Sboarina con
Daniela Andreis, Lella De Marchi, Raffaele Ferrario, Valentina Gaglione,
Valerio Grutt , Sonia Lambertini, Eva Laudace, Giancarlo Sissa

16.00/17.30 A ruota Libera
Cura e conduzione Jacopo Ninni con
Salvatore Della Capa, Tommaso Di Dio, Alessandra Frison, Roberto Ranieri, Gabriele Xella

17.30/19.00 Devoluzioni
Cura e conduzione Daniele Poletti
Rita Bonomo, Volevo fare l’usignolo, Fotografia e regia Giusy Calia
Alberto Mori, Phonematique
Simona Menicocci, Il mare è pieno di pesci
Fabio Teti, Spazio di destot, (Edizioni Diaforia)

*

BIBLIOTECA DELLE DONNE – Via del Piombo 5

PARTIZIONI DI VOCI
Cura e conduzione Serenella Gatti Linares
16.00/17.30
Su tracce silenziose, A Nadia Campana e le altre
Presentazione del n.60/61 della rivista Le Voci della Luna a cura di Loredana Magazzeni, Marinella Polidori Roberta Sireno, Maria Luisa Vezzali con Elena Cesari, Zara Finzi, Daniela Maurizi Marie Laure Ndzengue, Helene Paraskeva Pina Piccolo, Rossella Renzi Nina Sadeghi, Francesca Serragnoli
17.30/18.30
Femminile Plurale –Le donne scrivono le Marche
a cura e con Franca Mancinelli, Renata Morresi, Eleonora Tamburrini
18.30/19.30
Umafeminità
Conduzione Nadia Cavalera con
Monica Borettini, Alessandra Borsetti Venier, Valerio Cuccaroni, Leila Falà, Serenella Gatti Linares, Giovanna Gentilini, Fabia Ghenzovich, Michele Lalla, Loredana Magazzeni, Maria Concetta Petrollo, Vittoria Ravagli, Meth Sambiase, Anna Zoli

*

FISH’N’ROLL – Via Santa Croce 16/d 17.00/19.00

Poetiche del fervore
Cura e conduzione Agnese Leo con
Paolo Aldrovandi, Silvia Benedetti, Gerardo De Stefano, Matilde Vittoria Laricchia, Silvia Molesini, Valerio Nardoni, Bernardo Pacini, Alessandra Piccoli, Ed Warner

*

COSTARENA – Via Azzo Gardino 48 17.00/18.30

DIFFERENZE PARALLELE

“Père-Lachaise – Racconti dalle tombe di Parigi” (Edizioni Ratio et Revelatio)
Cura e introduzione Vincenzo Bagnoli Conduzione Laura Liberale con
Chiara Baldini , Francesca Bonafini, Claudia Boscolo, Simona Castiglione, Caterina Falconi, Paolo Logli, Gianluca Morozzi, Paolo Zardi, Heman Zed
18.30/19.00
Paradigmi del vero
Cura e conduzione Alessandro Brusa con
Marco Bini, Davide Ferrari, Christian Sesena
19.00/20.00
“Poeti della lontananza” (Marco Saya Edizioni)
Cura Alessandro Brusa
Conduzione Sonia Caporossi, Antonella Pierangeli con
Michele Porsia, Francesco Terzago

*

BOTECO – Via S.Vitale 16/b
17.30/18.30
Gli occhi della lingua
Cura e conduzione Alessandro Assiri con
Fausto Filosgrana, Riccardo Frolloni, Chiara Giangiordano, Ivonne Mussoni, Giuseppe Nibali, Marco Trestini
*

BRAVO CAFFE’ – Via Mascarella 1
17.30/18.45
Ritratti
Cura e conduzione Rita Galbucci con
Gianluca Chierici, Maria Grazia Insinga, Rita Pacilio Davide Racca, Marilena Renda, Silvia Rosa

*

CAFFE’ DEGLI ARTISTI – Via Castiglione 47/2
18.00/19.00
In silenzio a voce alta
Cura e conduzione Enea Roversi con
Clery Celeste, Enrico De Lea, Giovanna Frene Alfredo Panetta, Veronica Tinnirello, Christian Tito

*

MACONDO – Via del Pratello 22
18.30/20.30
Dispiegamenti
Cura e conduzione Luca Ariano con
Francesco Accattoli, Filippo Amadei, Miriam Bruni, Edmondo Busani, Mauro De Maria, Ivan Fedeli
Raffaele Guida, Roberta Lipparini, Mario Melendez Michele Miccia, Salvatore Ritrovato, Matteo Zattoni,

*

CORTILE CAFE’ – Via Nazaurio Sauro 24/c
18.30/19.30
(ir)regolarizzazioni
Cura e conduzione Francesca Del Moro con
Daniele Barbieri, Rodolfo Cernilogar, Barbara Herzog Pierluigi Lenzi, Giorgia Monti, Nina Nasilli
19.30/21,00
Prufrock Party
Cura e conduzione Luca Rizzatello con
Daniele Bellomi, Alberto Cellotto, Roberta Durante Klaus Miser, Andrea Lorenzoni, Giusi Montali

*

BAR LA LINEA – Piazza Re Enzo 1/4

18.30/19.30
Poeti di confine
Cura e conduzione Sergio Rotino con
Giovanni Fierro, Cristina Micelli Fulvio Segato, Maurizio Benedetti

*

CASSERO LGBT CENTER – Via Don Minzoni 18
18.30/19.30
Valentina Pinza, Il pane del giorno prima (Ladolfi Editore)
Introduzione di Stefano Suozzi

19.30/23.00
VETRINE DEL NUOVO MILLENNIO – MACCHINE E MACCHINAZIONI
Cura e conduzione Enzo Campi
Silvia Benedetti Precipizi-tazioni
Rita Bonomo Padre Nostro chi è nostro padre?
Marthia Carrozzo, Vanni Schiavoni, fAzioni di Versi
Chiara Cossu, Frammenti di una nascita
Marion d’Amburgo, minuzie & minute (Testi Giovanni Campi)
Francesco Forlani, Manifesto del comunista dandy
Solidea Ruggiero, Io che non conosco la vergogna
Barbara Pinchi, Da costa a costa
Julian Zhara, Dune (Musiche Ilich Molin, Video Enrico Sambenini)

***

Sito Web: https://boinlettere.wordpress.com/

Fan Page: https://www.facebook.com/BolognaInLettere?fref=ts

Sostieni Bologna in Lettere: https://boinlettere.wordpress.com/2015/03/20/bologna-in-lettere-2015-sottoscrizioni/

Annunci

Un pensiero su “Bologna In Lettere 2015: 5 domande ad Enzo Campi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...