Sette Terribili ostriche e una perla: alcune poesie di Maurizio Manzo – proposta di Sonia Lambertini


Immagine

Nato a Cagliari nel 1961, nel quartiere Castello, quartiere che influenzerà non poco la sua infanzia, Maurizio Manzo ha iniziato a scrivere fin da giovanissimo. Il suo primo poemetto, “Coreografia del ghetto storico” racconta il “delirio” di quattro donne ai margini, ambientato nelle stradine di Castello, e mostra, nonostante la giovane età, una forza stilistica già matura. Il poemetto scritto nel 1981 è stato pubblicato nel 1985, Edizioni Castello, con la presentazione di Tonino Casula. Dopo molti anni da questa prova e grazie alle possibilità offerte dal web, Maurizio Manzo pubblica diversi testi e lavori raccolti in ebook nei vari Litblog, testi che raccontano il disagio sociale senza retorica: “Le anamorfiche”, “Le assistenziali”, “All’ombra dei pixel”, ”Distorsioni a occhi nudo” con un’attenzione particolare all’aspetto metrico-ritmico e al suo farsi suono-immagine-senso.
Con il racconto Il Mutamento è stato finalista alla II edizione del premio Ulteriora Mirari, sezione prosa, Edizioni Smasher.
Premiato con Menzione alla Ventottesima Edizione del premio Lorenzo Montano, sezione Raccolta Inedita, con la raccolta Anamorfiche e altre Distorsioni.
Sette terribili ostriche e una perla è la sua seconda raccolta.

RIGUARDI

Quando sto immobile
penso che qualcun’altro
è più fermo di me
come quando mi brucio
è impensabile il dolore
di chi si spegne
alleato con la fiamma
così è questo strano potere
che mi fa smettere
d’immaginare il dolore
altrui come un riguardo
che non capisci bene
per chi.

***

NODO

Il senso della corda
non era il segno
lasciato rosso a girocollo
legame con il posto
disperso come resto
della vita né quel tenerti
allineato alla tua ombra
a consumarsi prima del sole
ma il nodo cresciuto più stretto
dell’urlo più largo di quanto
hai potuto vedere.

***

SPASMO

È lo stomaco
amaca che dondola il tempo
che si attorciglia
anemoscopio del vivere
che resta contorto
anche quando i venti
siedono sfiniti.

***

MOTO

Si azzarda
finché poi vivere
si adatta
e ogni aspetto ti disconosce
discopatie da inchino
le flosce orecchie
del tuo cane tirate
indietro
perché poi vivere
è un moto
peristaltico guasto
un blocco emozionale
un’esplosione
di merda.

***

MI RIFERISCO A ME STESSO: SE PUÒ BASTARE

Mi riferisco a me stesso
quando penso è avviata
male l’umanità
probabilmente peggio
e se al pensiero segue la detonazione
alla detonazione segue
la ricostruzione
non ti ricordi di aprire
gli armadi
far uscire gli scheletri a passeggio.

Mi riferisco a me stesso
quando trovo ingiusta
la mia vita sospinta
da quello che m’inducono a desiderare
nella sofferenza che non tutto
si potrà avere
come sobillano all’orecchio
e mi dicono di resistere
mentre una parte esiste
e resiste sulla tua fine.

Mi riferisco a me stesso
quando devi sottostare
perché la vita ha i suoi
passaggi e li devi assaggiare
e se qualcosa intasa
la gola e ti strozza
dicono che dovevi metterlo
in conto come quando sbatti
contro il muro con la macchina
a cento all’ora come a cinquanta.

Mi riferisco a me stesso
quando penso quello
che mi dicono
e mi dicono quello che pensano
possa impinguarli
fino al trabocco sordo
e non mi sento pensare
ad alta voce
proferire il naturale disgusto
ferire ogni dio.

Mi riferisco a me stesso
quando sgomina lo sguardo
la pelle a brandelli
le vene del collo esplose
nei giorni in cui ci si brucia
e ci s’impicca prima
della fine della disponibilità
dei mezzi per potersi anche uccidere
e un battito di ciglia sbaraglia
cambia canale profuma l’odore.

Mi riferisco a me stesso
quando pensi alla felicità
se pur mai incontrata
la tieni stretta allontanando
e temendo un contagio
schivi ogni parte che pare
infelice senza sapere
perché tieni stretto ogni
tuo avere
e non senti doveri.

Lepisma Edizioni – Collana La cicala diretta da Dante Maffia – 154 pagine €. 13,99
http://www.lepismaedizioni.com
IBS http://www.ibs.it/code/9788875372224/manzo-maurizio/sette-terribili-ostriche-e.html

Annunci

3 pensieri su “Sette Terribili ostriche e una perla: alcune poesie di Maurizio Manzo – proposta di Sonia Lambertini

  1. Pingback: Maurizio Manzo | TaglioDiLama

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...