Poesie di Redent Enzo Lomanno


E tutto nacque lì, in incastro microcosmico, dal profondo abisso della poesia. Così presi a muovere le pinne per non cadere e giacere sul fondale da non guardare altrove, dove quello scendere è strumento d’eccellenza, origine, radice: e questo Redent Enzo Lomanno lo sa, ne ha compreso l’essenza. La parola è goccia d’acqua, fiotto che diviene flusso caldo e poi specchi di sola acqua nella perdita che abita.

Le terre sommerse in cui ci conduce sono cariche di pura bellezza liquida e d’altronde, come lui ci ricorda: “Forse abbiamo torto sulle branchie e per il nostro, nessun alibi“.

(Ksenja Laginja)

In acque profonde


FUOR D’ACQUA

Giungimi,
come viene un fiotto d’acqua
sul pesce che brama ossigeno e resurrezione
Perché
vi sono opere sul tuo alluce
abbandonate lungo le rive, come seppie
dove
quel nuoto di tanta bellezza
deterge l’attesa e la scia

[Forse ho torto sulle branchie
e per il nostro, nessun alibi]

ma la secca di questo pensiero
avvampa di sabbia e voluttà
E quel reale frusciare nel mare
annega ragioni di fatti incompiuti

Portami;
trattienimi
con un dito
– liscia porcellana
e attaccami il sorriso

[Forse ho torto sulle branchie
e per il nostro, nessun alibi]

ma saprò respirare
prima o poi

tra il giorno
e quell’onda

di casa
e deserto

 

TROW UP

Quante volte, ancora
completamente inaridito
a centrare il bersaglio

Appoggiato
con flusso caldo
vomitando l’inferno

E ricordare e barcollare
nella medesima torsione
sorretto dal braccio

Lo scivolare
di acque torbide
residenti sconfitta

tra morte
e incapacità

quel piacere
senza luce

 

FOSCHIA

Vorrei un sussurrare di vento
alla bocca dello stomaco
Un completare eoni di ere
sulle braccia e sopra il volto

Vorrei, la foschia
[del nord]
dentro gli occhi
e l’ombra che non si spiega

Questa illusione
d’amore nel petto
increspa
un battito fermo

E una bolla di fumo
non puntella mai
il peso delle colpe

 

ACQUA

Prendiamo strade diverse
perché il tramonto allunga ombre
e non sopporto più
questo sfiorarsi

I venti di quel molo
arricceranno lamenti, ancora
lasceranno il denso a sviolinare
le rive

Anche ora
che più non s’affaccia
l’aspetto gaio del bambino
in questi specchi
di sola acqua

 

PERDITA

Un calice amaro
mi sosta in coda
e mille miglia ancora
restano per proseguire

La perdita
mi abita

La perdita
ci abita

E la sua casa
invece
non dista mai
troppo lontano.

Ora dimmi
Tu
che risuoli scarpe al vecchio
con parole rincorse a suffragio

Tu che in frantumi
bagni strade e vicoli e città
Tu che di caldo racconti,
tra pani di padri e di nonni
E di poesia, tra lampioni e cortili

Dimmi,
La perdita
ci abita?

Dimmi, se Lei stessa possiede
o è lo scalzo rumore dei piedi
sul freddo mattonato della via
a dominare intervalli e silenzi

Se è vuoto di questo corpo,
o solo margine bianco
pronto per il tratteggio

Vorrei sapere
sapere
dei difetti pigionanti
Dei buchi d’ossidiana
e del salto e della caduta

Dimmi,
La perdita
ci abita?

O siamo noi
ad abitarla?

 

SPUMA

Al di là
il vuoto contorno
ci resta d’eterno

Non l’ala
né il faraglione

Forse
la spuma
e il suo briccicare

Senza più casa
e nessuna sponda
da dimenticare

 

OPPONIBILE 2.0

Ho giurato
aprendo la finestra stamani!

Al mondo
lascio la bocca aperta dall’arsura

Lascio
Il ferro;
l’industria meccano quantica del pollice opponibile
Il logoro frusciare delle pagine nel volto contro vento

Lascio
La tachicardica frenesia delle vene
pulsanti sale e miniere polmonari

e braccia rotte
e gambe sfitte
e arterie zeppe

lascio,
un buco sul braccio e un tappo nel culo

Le persiane sprangate
nei viadotti ulcerosi

o quel guaire sommesso delle notti periferia:
dove cani e tossici sorridono alla luna

e tutto
ma proprio tutto
smette di assordare

 

E POI NULLA

Non ci fu preavviso

devastante la lama
tranciò netta
ossa ancora bianche
inconsapevoli

e non ci fu pietà

sgraziate le grida
da cane azzoppato
rimbalzarono stridendo
sul ciglio della strada
sole.

Poi…
poi nulla,
calò silenzio

e nessuno
prese coscienza di sé

nulla
divenne verità o bugia

Nulla,
divenne nulla e confusione.

Solo il dolore
arpeggiò puro e limpido
lineare e certo

uscendo dal seminato
[fu chiaro]
come una nota stonata
in un’orchestra appena imbastita

ed io,
semplicemente,

me ne innamorai

 

BACKGROUND

Andiamo insieme
ché ho spinto il petto
dentro l’ago l’altra notte
E il giovane nel pozzo
ha schiarito la sua voce

Raccoglimi sulla via
accartocciato sul domani
ancora a un pollice
dallo strato di cemento
[presa rapida e vapore]
del peccato pronunciato

Partiamo insieme

ché ho
un tappo di sale in gola
e una canzone triste
che raschia il mio background

Un cencio su a corona
e una lamina nel cuore
dove un soffio mi divora
come un urlo giù alle scale
che trascinano in cantina

Nascosto
giù

sempre
e solo
giù

 

 

Redent Enzo Lomanno nasce a Moncalieri il 5-4-76 . Scrive inizialmente per svago, raramente, poi sempre con più intensità. La poesia è per lui un qualcosa che va al di là di un semplice tratto: è una cura. Nel 2012 crea, insieme ad altri redattori, il movimento Bibbia d’Asfalto e insieme agli scrittori del Movimento, promuove diverse iniziative finalizzate alla socialità e all’arte, tra cui la rivista culturale quadrimestrale Bibbia d’Asfalto. I suoi testi sono stati pubblicati su blog letterari e Antologie.

Potete leggere di lui sul blog ufficiale di Bibbia d’Asfaltohttp://poesiaurbana.altervista.org/

Dice di sé: “Morte, dolore, povertà non mi spaventano… mi spaventa di più l’inchiostro di un calamaio secco, inutilizzato, defunto nella mancata empatia della società odierna”

Annunci

3 pensieri su “Poesie di Redent Enzo Lomanno

  1. Pingback: Poesie di Enrico Marià | Words Social Forum

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...