Divorati – l’utero triforcuto di David Cronenberg


Divorati

 

“La sola cosa che amplia il paesaggio del XX secolo è la psicopatologia, e questa se ne ride dei diktat della morale. Il narratore e sua moglie hanno conquistato questa immensa libertà che permette loro di giocare i loro strani giochi senza preoccuparsi delle conseguenze. La psicopatologia é divenuta il motore di gran parte della nostra vita quotidiana.” 

J. G Ballard.

Sogno, realtà, feticismo, follia, cannibalismo, apetemnofilia, acrotomofilia.

Si, la nuova carne muta ancora e diventa… carta.

Questo e molto altro all’interno del primo libro di David Cronenberg, che riporta, aggiornandoli, molti dei temi ed incubi che hanno accompagnato tutta la sua produzione filmica.Visibilissimi sono i rimandi alle sue pellicole più famose come Videodrome, Existenz, Crash, i gemelli ginecologi di: “inseparabili”. Una disgressione che non tocca solamente il suoi lavori precedenti, ma mutua idee anche da altri film, quali per esempio, “Bug”. Una delle opere meno conosciute di Friedkin (L’esorcista).

Cronenberg non scrive, dirige, riportando quel suo gusto di maniacale imperfezione in ogni scena, in ogni dialogo ed oggetto descritto.

Gli Arosteguy sono una coppia di anziani e libertini filosofi francesi. Naomi e Nathan sono invece due fotogiornalisti, due anime affini ed allo stesso tempo libere. Legate da un fetismo profondo verso i loro strumenti di lavoro, superati dalla nuova tecnologia dell’iphone. La storia inizia da un avvenimento di cronaca, la morte violenta di Celestine Aristoguy, che pare essere stata massacrata e mangiata dal suo assassino. La donna inizia ad indagare; non sapendo che la sua ricerca la porterà non solo lontana da Nathan, chiamato ad assistere ad un’innovativa tecnica chirurgica, ma anche dalla propria quotidianità.

Un mondo heroin chic quello di “divorati”; incapace di comunicare se non dietro ad uno schermo, trasformando l’“io fisico” in “super io virtuale”. Il sesso anziano, il lubrificante acquoso, il seno, le ghiandole mammarie che mutano in insetti. L’organo primario dell’allattamento che diventa un corpo estraneo da mutilare, aspostare, divorare.

Una società passiva e fittizia quella che il regista seziona con lame usa e getta, per carne usa e getta. L’io che diventa pixel, numero primo non divisibile se non per se stesso. Lo 0-1-0 del numero binario ricrea una nuova pelle, superando nuovamente la metafisica e la dicotomia heideggeriana dell’essere e del tempo.

Una continua “petit morte” che si conclude nell’orgasmo mutato della malattia di Roiphe.

La visione freudiana della sessualità, la nevrosi ossessiva, lo stadio precedente all’isteria in cui si configurano le pulsioni parziali atte a condurre a forme di sadismo pregenitale.

La libido è la macchina primaria che muove l’uomo, ma allo stesso tempo, se non doverosamente gestita, diventa un primario veicolo di contagio. Una nuova carne o più semplicemente, il complesso castrativo dell’autoamputazione. Il moderno disturbo dissociativo bipolare che vive nella società di oggi: l’ego virtuale, l’essere disperso nello spazio che separa una qualsiasi preconfezionata forma di morte.

Pertanto il nostro alter ego di pixel: altro non é il definitivo addio alla scomparsa fisica e l’entrata in un nuovo mondo dominato dall’eternità dei numeri.

343 pagine di pura letteratura moderna che pare dirti sorniona: “Benvenuto ad Anexxia.”

 

Annunci

7 pensieri su “Divorati – l’utero triforcuto di David Cronenberg

  1. I temi scelti da Christian sono sempre estremamente interessati. Ottimo lo spunto iniziale tratto da Ballard e il trait d’union che percorre l’articolo, scritto veramente bene, fra l’altro e con trasporto privo di retorica. Come a Nicola Pepe, anche a me è venuta una gran voglia di acquistarlo.

    Rispondi
  2. Comunicato Stampa

    Il festival diventa un grande progetto culturale con importanti mostre internazionali.
    David Cronenberg star dell’11/mo Lucca Film Festival
    Al regista canadese sarà dedicata una retrospettiva completa dei suoi film e diverse mostre

    Sarà David Cronenberg, regista, sceneggiatore, produttore e scrittore canadese, l’ospite d’onore della undicesima edizione del Lucca Film Festival, che si terrà dal 15 al 21 marzo nell’omonima cittadina toscana. Le iniziative dedicate all’autore di film-cult quali Videodrome, La Mosca e i più recenti A History of Violence e Cosmopolis partiranno il 15 febbraio con l’apertura di varie mostre internazionali – di cui una in anteprima italiana – che coinvolgeranno diverse location (le mostre rimarranno aperte fino al 3 maggio).

    Il Festival è tra gli eventi di punta delle manifestazioni organizzate e sostenute dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e le mostre dedicate a Cronenberg sono organizzate insieme al “Comitato Nuovi Eventi per Lucca” e sostenute da Banca Pictet e Société Générale. Si avvale inoltre del supporto di Banca Generali Private Banking, Regione Toscana, Comune di Lucca, Fondazione Banca del Monte di Lucca, della collaborazione di Provincia di Lucca, Fondazione Sistema Toscana, Fondazione Centro Arti Visive, Photolux Festival e del patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

    David Cronenberg sarà presente a Lucca nei giorni del festival per partecipare al programma previsto di proiezioni, incontri, conferenze e concerti (dedicati alle colonne sonore dei suoi film), che sarà realizzato in collaborazione con il Toronto International Film Festival e con la società Volumina di Torino. I biglietti di ogni attività saranno a breve acquistabili e/o prenotabili online sul sito del festival (www.luccafilmfestival.it).

    “Il festival – ha spiegato il presidente Nicola Borrelli – che grazie al successo del 2014 con David Lynch, continua a crescere esponenzialmente, si appresta quindi a diventare il grande evento cinematografico italiano, e non solo, che congiunge inverno e primavera con un progetto culturale di ampio respiro internazionale”.

    I lungometraggi di Cronenberg che saranno proiettati sono: Stereo (1969); Crimes of the future (1970); Il demone sotto la pelle (Shivers) (1975); Rabid – Sete di sangue (1977); Veloci di mestiere (1979); The Brood – La covata malefica (1979); Scanners (1981); Videodrome (1983); La zona morta (1983). E poi La mosca (1986); Inseparabili (1988); Il pasto nudo (1991); M. Butterfly (1993); Crash (1996); eXistenZ (1999); Spider (2002); A History of Violence (2005); La promessa dell’assassino (2007); A Dangerous Method (2011); Cosmopolis (2012) e Maps to the Stars (2014).

    Il Lucca Film Festival è un evento a cadenza annuale di celebrazione e diffusione della cultura cinematografica. Attraverso proiezioni, mostre, convegni e performance – spaziando dal cinema mainstream allo sperimentale – il festival riesce a coinvolgere ogni anno un pubblico sempre più ampio. Nel corso delle edizioni, il Lucca Film Festival è riuscito a distinguersi tra i tanti mediante programmazioni audaci ma al contempo attentamente studiate; è stato capace di omaggiare personalità affermate del mondo del cinema, di riscoprirne altre e “scommettere” su di nuove. A coronare il tutto contribuisce la bella cornice di Lucca, città in cui il festival si è ormai imposto come appuntamento atteso ed imperdibile.

    http://www.luccafilmfestival.it ;Lucca Film Festival (indirizzo sede: via delle Tagliate II°, traversa I°, n 64 55100 Lucca); segreteria.lff@gmail.com.

    Ufficio Stampa Lucca Film Festival: PS Comunicazione di Antonio Pirozzi (339/5238132) e Davis & Franceschini – Lea Codognato/Caterina Briganti – tel. 055/2347273 (info@davisefranceschini.it); Relazioni esterne Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca: Marcello Petrozziello (0583 472627; 340 6550425); comunicazione@fondazionecarilucca.

    Rispondi
  3. LUCCA FILM FESTIVAL 2015
    11th edition
    presenta
    David Cronenberg
    Evolution. Lucca/Fondazione Ragghianti
    Video promozionale: http://youtu.be/Q_tnWs_MT50
    M.Butterfly. Lucca/Puccini Museum – Casa Natale
    Red Cars. Lucca/Archivio di Stato (ex-Macelli)
    Video promozionale: http://youtu.be/3KkhaEi9ByE
    Chromosomes. Viareggio/GAMC Galleria Arte Moderna e Contemporanea
    Video promozionale: http://youtu.be/OGE_cWKgNsw
    All’Archivio di Stato di Lucca, Red Cars è visibile nella sua forma di installazione multimediale, curata da Domenico De Gaetano e Alessandro Romanini. La storia di Hill e Von Trips è raccontata attraverso immagini, parole e video con un’atmosfera che evoca suggestioni tratte dall’abstrac painting e dalla pop art. Sarà possibile acquistare il libro oggetto Red Cars, vero e proprio oggetto d’arte, impreziosito da un modellino della Ferrari, esclusivamente prodotto per l’occasione dalla Brumm.
    15 febbraio – 3 maggio 2015
    Comunicato Stampa
    L’undicesima edizione del Lucca Film Festival, che da quest’anno si unisce al Festival Europa Cinema di Viareggio creando un evento unico in Italia, dedica un omaggio a David Cronenberg, uno dei grandi maestri del cinema contemporaneo, con una serie di eventi che animeranno le città di Lucca e Viareggio per oltre tre mesi. L’articolato programma, realizzato solo grazie al fondamentale ruolo della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, inizia il 15 febbraio (fino al 3 maggio) con l’apertura di tre mostre internazionali, organizzate dal Comitato Nuovi Eventi per Lucca in collaborazione con il Festival e prodotte dal Toronto International Film Festival e da Volumina di Torino. Evolution, in anteprima italiana, creata dal Toronto International Film Festival, sarà a Lucca presso la Fondazione Ragghianti, con una speciale sezione intitolata M.Butterfly, distaccata dentro il Puccini Museum – Casa Natale. Curata da Piers Handling, direttore del Toronto International Film Festival e Noah Cowan, primo direttore artistico del TIFF Bell Lightbox, presenta oltre un centinaio di oggetti di scena, costumi, disegni, schizzi, foto e filmati mai visti. Red Cars all’Archivio di Stato (ex-Macelli), sempre a Lucca, curata da Domenico De Gaetano, direttore di Volumina, e Alessandro Romanini, è un’installazione multimediale dedicata alla Ferrari e al mondo delle corse, tratta dall’omonimo libro-oggetto del 2005, sceneggiatura per un film mai realizzato; infine Chromosomes, alla GAMC Galleria Arte Moderna e Contemporanea di Viareggio, curata ancora da Domenico De Gaetano e Alessandro Romanini con 70 fotogrammi scelti da Cronenberg tra i suoi film più famosi, ormai diventati icone dell’arte contemporanea.
    Il regista canadese sarà a Lucca durante il Festival che si terrà dal 15 al 21 di marzo e parteciperà al programma di proiezioni, incontri, conferenze e concerti (dedicati alle colonne sonore dei suoi film), realizzato in collaborazione con Toronto International Film Festival e Volumina.
    Il Lucca Film Festival, diretto da Nicola Borrelli, è tra gli eventi di punta delle manifestazioni organizzate e sostenute dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca. Per quanto riguarda le mostre dedicate a David Cronenberg, queste sono organizzate dal Comitato Nuovi Eventi per Lucca in collaborazione con il Festival con il sostegno di Banca Pictet e Société Générale.
    Si avvale inoltre del supporto di Banca Generali Private Banking, Regione Toscana, Comune di Lucca, Fondazione Banca del Monte di Lucca, della collaborazione di Provincia di Lucca, Fondazione Sistema Toscana, Fondazione Giacomo Puccini e Puccini Museum – Casa Natale, Fondazione Centro Arti Visive, CG Entertainment, Photolux Festival e del patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. Si ringrazia la Direzione Regionale Toscana di Trenitalia per la collaborazione.
    Da questa edizione 2015 e per i prossimi 3 anni, il Lucca Film Festival organizzerà, insieme al Comune di Viareggio, anche il festival Europa Cinema, gloriosa manifestazione internazionale fondata da Federico Fellini e da Felice Laudadio nel 1984, con un programma congiunto e distribuito su entrambi i territori. L’organizzazione congiunta di un unico Festival negli stessi giorni consentirà di potenziare reciprocamente le due manifestazioni, rendere più funzionale l’organizzazione, meno rilevanti gli oneri complessivi e rendere più rilevanti e visibili i complessivi effetti culturali e l’immagine mediatica delle manifestazioni.
    David Cronenberg è nato a Toronto nel 1943. Negli anni ’70 realizza alcuni film come Brood, La covata malefica (1979) e Scanners (1981), che lo impongono come uno dei maestri del cinema contemporaneo mondiale. I suoi film, da Videodrome (1982) a Inseparabili (1988), esplorano il terrore dell’uomo di fronte alla mutazione genetica dei corpi, all’infezione della carne, psicologica e fisica, e alle pulsioni distruttive della mente. Dopo il successo di Crash al Festival del Cinema di Cannes nel 1996, e di Spider (2002), affronta produzioni più impegnative come A History of Violence (2005) e La promessa dell’assassino (2007). Nel contempo, sviluppa una serie di progetti extra cinematografici, come l’opera The Fly, tratta dall’omonimo film del 1986, andata in scena a Parigi e a Los Angeles nel 2008. I suoi ultimi film, da Dangerous Method (2011) e Cosmopolis (2012), fino a Maps to the Stars del 2014, hanno ottenuto un enorme successo di pubblico e di critica.
    Le mostre
    EVOLUTION
    Lucca/Fondazione Ragghianti
    In anteprima nazionale, Lucca Film Festival presenta Evolution dedicata alla carriera del grande artista canadese, creata dal TIFF e curata dal suo direttore, Piers Handling insieme a Noah Cowan, primo direttore artistico del TIFF Bell Lightbox dove è stata inaugurata in prima mondiale nel 2013. La mostra indaga, attraverso le invenzioni di Cronenberg, possibili percorsi evolutivi dell’uomo, sia a livello psicologico che fisico: dai telepati di Scanners allo scienziato de La mosca, dal produttore televisivo di Videodrome ai medici gemelli di Inseparabili. Attraverso la presentazione di oltre un centinaio tra manufatti artistici e oggetti provenienti dai set dei film, materiali scenografici di produzione, interviste con collaboratori, spezzoni di film, filmati mai visti, rare fotografie dietro le quinte, l’esposizione segue cronologicamente lo sviluppo e la maturazione della carriera di Cronenberg come film-maker, le prime influenze del sociologo canadese Marshall McLuhan, evidenti in un film come Videodrome (1983), la sua infatuazione per il corpo umano e la tecnologia, presente in eXistenZ (1999), il suo crescente interesse per la psicologia, prendiamo A History of Violence (2005), fino ai più recenti Spider o Cosmopolis.
    Tra gli oggetti in esposizione troviamo: la macchina per il teletrasporto de La mosca e la testa mostruosa indossata da Jeff Goldblum nel film; i costumi di Michael Fassbender, Keira Knightley e Viggo Mortensen in A dangerous method; l’elmetto creato dall’inquietante ditta Spectacular Optical per registrate gli effetti del programma Videodrome sulle sue vittime e le protesi indossate dall’attore James Wood nell’omonimo film. E poi il parassita capace di risvegliare gli istinti erotici sopiti degli esseri umani protagonista di Il demone sotto la pelle; gli strumenti chirurgici per intervenire sui corpi “sbagliati” di donne mutanti realizzati dal ginecologo Jeremy Irons in Inseparabili; le macchine da scrivere insettoidi e il Mugwump, la creatura aliena frutto delle allucinazioni del protagonista di Naked Lunch; le complicate protesi esterne indossate da Rosanna Arquette in Crash. Non mancherà il game pod organico e la pistola fatta di ossa e denti che compaiono nel film eXistenZ. Sarà inoltre ricostruito il modello del ristorante all’interno del quale è ambientato La promessa dell’assassino, con Viggo Mortensen e Naomi Watts.
    In mostra anche poster, bozzetti, storyboard originali, fotogrammi tratti dai film e foto di scena a partire dalle prime e meno conosciute opere di Cronenberg (come Stereo, Crimes of the Future e Veloci di mestiere) fino a quelle che lo hanno reso celebre (Videodrome, La mosca, Il pasto nudo e Crash) per arrivare alle pellicole più recenti (A history of violence, La promessa dell’assassino e Cosmopolis).
    Evolution è accompagnata da un prezioso Box set, in edizione numerata, con il catalogo della mostra, un dvd con il cortometraggio inedito The Nest e un ritratto lenticolare numerato e firmato da Cronenberg.
    M.BUTTERFLY (sezione distaccata di Evolution)
    Lucca/Puccini Museum – Casa natale
    Evolution avrà una speciale sezione distaccata presso il Puccini Museum – Casa natale, con una stanza dedicata a M.Butterfly, film realizzato da Cronenberg nel 1993 e segnato da una splendida interpretazione di Jeremy Irons, che vede nella casa-museo di Giacomo Puccini la sua naturale collocazione. Agli oggetti di scena e allo spettacolare costume indossato dal personaggio di “Song Liling” durante la sua interpretazione all’Opera di Pechino in M. Butterfly, si affiancano i cimeli e i preziosi documenti autografi riguardanti Madama Butterfly che il museo conserva. Si ripropone quindi il parallelismo tra la tragica vicenda dell’opera lirica e quella del protagonista del film che Cronenberg aveva saputo creare con maestria, grazie anche al sapiente uso della musica di Giacomo Puccini.
    RED CARS
    Lucca/ Archivio di Stato (ex- Macelli)
    Cronenberg scrisse la sceneggiatura dal titolo Red Cars, dopo aver girato Crash (1996) con l’intenzione di farne un film. Prodotto dalla Warner Bros, con Mel Gibson come protagonista, non fu mai realizzato. Nel 2005, il progetto cinematografico viene presentato come libro d’artista, edito da Volumina, alla Mostra del Cinema di Venezia e nel 2008, al Palazzo delle Esposizioni di Roma, come installazione multimediale. Il volume contiene la sceneggiatura completa che racconta la storia, ambientata nel 1961, della rivalità tra i due piloti di Formula Uno, l’americano Phil Hill e il tedesco Wolfgang Von Trips. In realtà è un omaggio a uno dei bolidi entrati nella leggenda dell’automobilismo, la Ferrari 156 F1, soprannominata “Sharknose” per il caratteristico muso a forma di squalo, che entrambi i piloti guidano. Meticolosamente progettato per rappresentare il corpo e il motore di una macchina, raccoglie anche rare fotografie storiche tratte dall’archivio Ferrari, ritratti dei protagonisti, spaccati tecnici di motori, tracciati dei circuiti e fotografie dei dettagli, tutto confezionato con un design grafico basato sulle riviste automobilistiche degli anni ’60.
    All’Archivio di Stato di Lucca, Red Cars è visibile nella sua forma di installazione multimediale, curata da Domenico De Gaetano e Alessandro Romanini. La storia di Hill e Von Trips è raccontata attraverso immagini, parole e video con un’atmosfera che evoca suggestioni tratte dall’abstrac painting e dalla pop art. Sarà possibile acquistare il libro oggetto Red Cars, vero e proprio oggetto d’arte, impreziosito da un modellino della Ferrari, esclusivamente prodotto per l’occasione dalla Brumm.
    CHROMOSOMES
    Viareggio/ GAMC Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea
    Chromosomes sarà a Viareggio alla GAMC Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea. Creata da Volumina, ha segnato il debutto internazionale di David Cronenberg in qualità di “puro artista”. In mostra, curata qui da Domenico De Gaetano e Alessandro Romanini, si trovano 70 fotogrammi scelti dal regista tra i suoi film più famosi come La mosca, Videodrome, Inseparabili, Spider e La promessa dell’assassino.
    I fotogrammi, catturati nei laboratori del Centro Sperimentale di Cinematografia, sono stati elaborati digitalmente dal team grafico di Volumina sotto la supervisione di Cronenberg e stampati su tela pittorica con una modalità innovativa, per dar loro una nuova vita oltre lo schermo. L’intenzione è di allontanare il più possibile quelle immagini dalla loro origine cinematografica.
    Alcuni fotogrammi sono icone riconoscibili del suo cinema che non smettono di stupire: la testa che esplode, il braccio mutante con la pistola, gli arcani strumenti ginecologici, la cabina per il teletrasporto o la mano che sfiora sensualmente la carrozzeria di un’automobile. Altri invece appartengono all’immaginario visivo più personale del regista o ai differenti temi della mostra: la relazione tra corpo e tecnologia, cinema e arte, natura e modificazioni genetiche, videogioco e scienza. L’esposizione è completata da una video installazione per due monitor con le sequenze dei suoi film più famosi.
    Per Chromosomes è stato realizzato un catalogo con interventi di personalità del mondo della cultura e della scienza sulla poetica di Cronenberg, come il compositore Howard Shore, lo scrittore William Gibson, il genetista Marcello Buiatti, il designer Giorgetto Giuagiaro, il curatore e critico d’arte Hans Ulrich Obrist, l’attore Viggo Mortensen ed altri ancora.
    Viareggio/ GAMC Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “L.Viani”
    Palazzo delle muse, Piazza Giuseppe Mazzini – tel. +39 0584 581118– gamc@comune.viareggio.lu.it
    Orario: dal martedì alla domenica dalle 15.30 alle 19.30 – lunedì chiuso
    Costo biglietto: € 4,00 con biglietto unico Evolution e Red Cars
    Hanno diritto alla riduzione di Evolution/Red Cars (under 18, over 65, gruppi di 10 persone, studenti universitari, possessori biglietto Puccini Museum, possessori biglietto GAMC, possessori abbonamento giornaliero o completo del festival, chi arriva in treno a Lucca con un biglietto o un abbonamento Trenitalia acquistato nel periodo delle mostre e possessori smart card Trenitalia, possessori di un biglietto del cinema acquistato nel periodo delle mostre presso i cinema Centrale, Eden, Goldoni di Viareggio, presso i cinema Astra, Moderno e Centrale di Lucca e presso il cinema Lanteri di Pisa, tesserati circolo del cinema di Lucca, tesserati Cineforum Ezechiele).
    Hanno diritto agli omaggi per tutte le strutture (under 6 anni, accompagnatori di disabili, giornalisti esibendo tessera, guide gruppi)
    Info:
    Lucca Film Festival – via delle Tagliate II°, traversa I°, n 64 55100 Lucca – segreteria.lff@gmail.com. http://www.luccafilmfestival.it ;
    Ufficio Stampa Lucca Film Festival
    Davis & Franceschini – Lea Codognato/Caterina Briganti – tel. + 39 055/2347273
    info@davisefranceschini.ithttp://www.davisefranceschini.it
    PS Comunicazione di Antonio Pirozzi – + 39 339/5238132
    Relazioni esterne Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca

    Rispondi
  4. Comunicato stampa
    Omaggio a David Cronenberg: in programma la retrospettiva completa e tre mostre internazionali
    Jeremy Irons, Terry Gilliam, Alfonso Cuarón e Matteo Garrone
    al Lucca Film Festival e Europa Cinema 2015
    Dal 15 al 22 marzo retrospettive, lezioni di cinema e incontri con gli autori internazionali
    Sarà ospite del festival anche il regista sperimentale Roberto Nanni
    Grande festa finale con della terza edizione di Lucca Effetto cinema Notte
    Saranno Jeremy Irons, Terry Gilliam, Alfonso Cuarón e Matteo Garrone e gli ospiti dell’11/ma edizione del Lucca Film Festival che si terrà dal 15 al 22 marzo in vari spazi dell’omonima cittadina toscana e di Viareggio. A ogni ospite presente sarà dedicato un omaggio con proiezioni, serate di gala e lezioni di cinema. Il festival celebra il regista canadese David Cronenberg – impossibilitato a partecipare a causa di problemi personali ma presente via skype in vari appuntamenti – con una retrospettiva completa dei suoi lungometraggi, tre mostre e un concerto che riproporrà alcune delle sue più belle colonne sonore. Tra gli eventi anche l’omaggio aRoberto Nanni, regista di cinema sperimentale; una giornata dedicata a Mario Monicelli (in occasione dei cento anni dalla nascita) e il consueto Concorso internazionale di cortometraggi. In programma, a chiusura del festival, Lucca Effetto Cinema Notte, in cui la città diventerà un vero e proprio set cinematografico all’aperto. Gli eventi che si svolgeranno a Viareggio faranno parte delle iniziative di “Europa Cinema” che da quest’anno è unito al Lucca Film Festival.
    Il Lucca Film Festival e Europa Cinema, presieduto da Nicola Borrelli, è tra gli eventi di punta delle manifestazioni organizzate e sostenute dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e le mostre dedicate a David Cronenberg sono organizzate dal Comitato Nuovi Eventi per Lucca in collaborazione con il Festival, con il sostegno di Banca Pictet e Société Générale. Si avvale inoltre del supporto del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, di Fondazione Banca del Monte di Lucca, Gesam Gas & Luce SpA, Banca Generali Private Banking, Regione Toscana, Comune di Lucca, della collaborazione di Provincia di Lucca, Fondazione Sistema Toscana, Fondazione Giacomo Puccini e Puccini Museum – Casa Natale, Fondazione Centro Arti Visive, CG Entertainment, Photolux Festival. Si ringrazia la Direzione Regionale Toscana di Trenitalia per la collaborazione.
    Gli ospiti internazionali a Lucca: Gilliam, Cuarón e Irons
    Sarà il regista e sceneggiatore britannico Terry Gilliam, noto per il suo ruolo all’interno del collettivo comico Monty Python, a inaugurare il festival domenica 15 marzo alle 21.00 presso il cinema Moderno di Lucca. Per l’occasione riceverà il premio alla carriera e sarà proiettato il suo ultimo film “The Zero Theorem”, con l’attore Premio Oscar Christoph Waltz. La serata sarà introdotta dal critico cinematografico Francesco Alò. Gilliam, lunedì 16 marzo alle ore 11.00 presso il Teatro del Giglio, terrà inoltre una lezione di cinema affiancato dal critico Francesco Alò e da Nicolas Condemi e Federico Salvetti (direzione artistica Lucca Film Festival e Europa Cinema). Giovedì 19 marzo alle 21.00, sempre presso il Cinema Moderno sarà consegnato il premio alla carriera al regista messicano Alfonso Cuarón, autore di pellicole quali “Gravity” e “Y tu mamá también”. Seguirà la proiezione del suo “I figli degli uomini”, con Clive Owen e Julianne Moore. Introdurranno i critici cinematografici Andrea Fornasiero e Claudio Bartolini. Oltre a una retrospettiva dedicata ai lungometraggi del regista, venerdì 20 alle ore 11.00, presso il Teatro del Giglio sarà anche possibile assistere a una lezione di cinema da lui presieduta (prenderanno parte Nicola Borrelli, Alessandro Romanini, Andrea Fornasiero e Claudio Bartolini). Premio alla carriera anche per Jeremy Irons: l’attore Premio Oscar lo ritirerà venerdì 20 marzo alle ore 21.00 presso il Cinema Moderno. A seguire la proiezione di “M.Butterfly”, uno dei due film di David Cronenberg di cui l’attore inglese è protagonista. Sabato 21 alle 11.00 Irons terrà una lezione di cinema presso il Teatro del Giglio, affiancato dal critico Claudio Carabba, Nicola Borrelli, Alessandro Romanini e Manrico Ferrucci, Direttore generale del Teatro del Giglio di Lucca. Alle ore 15.00 dello stesso giorno l’attrice Sinéad Cusack introdurrà il film “La promessa dell’assassino”.
    Gli ospiti a Viareggio: Matteo Garrone e Francesco Munzi. Omaggio a Monicelli.
    Per le iniziative a Viareggio gli ospiti presenti saranno Francesco Munzi (venerdì 20 marzo, al cinema Centrale di Viareggio con il film “Anime Nere” e, sabato 21 marzo, alle ore 11, la lezione di cinema presso Villa Paolina) e Matteo Garrone che sarà al cinema Eden di Viareggio il 22 marzo, alle 20.30, per ricevere il premio alla carriera e presentare “L’imbalsamatore”. L’incontro sarà introdotto dal giornalista Gabriele Rizza e da Giulio Marlia (direzione artistica Lucca Film Festival e Europa Cinema). A Viareggio in programma anche l’omaggio a Monicelli: in occasione dei cento anni dalla sua nascita, martedì 17 marzo, presso il cinema Centrale, saranno proiettati due tra i suoi capolavori: “La grande guerra” (del 1959) e “I compagni” (del 1963)
    Omaggio a David Cronenberg (retrospettiva, mostre, concerto) tra Viareggio e Lucca
    Il Lucca Film Festival e Europa Cinema dedica al regista di pellicole cult quali “La Mosca” e “Videodrome” una retrospettiva completa di tutti i lungometraggi, oltre a cinque cortometraggi. L’omaggio cinematografico sarà affiancato da tre mostre internazionali, tre a Lucca e una a Viareggio, visitabili fino al 3 maggio. Oltre cento oggetti di scena, costumi, storyboard originali, rare fotografie e filmati inediti che seguono lo sviluppo della carriera di Cronenberg sono i protagonisti di Evolution, la mostra creata dal Toronto International Film Festival, curata da Piers Handling (direttore del TIFF) e Noah Cowan (primo direttore artistico del TIFF Bell Lightbox) e allestita presso la Fondazione Ragghianti di Lucca. Sempre a Lucca, all’interno del Puccini Museum – Casa Natale, si trova una sezione distaccata di Evolution dedicata a “M.Butterfly”, pellicola del maestro canadese ambientata a Pechino che ruota intorno alla celebre opera di Puccini. All’Archivio di Stato (ex-Macelli) di Lucca, troviamo Red Cars, un’installazione multimediale curata da Domenico De Gaetano (direttore dell’associazione culturale Volumina) e Alessandro Romanini dedicata a un film mai realizzato da Cronenberg che avrebbe dovuto raccontare le rivalità tra i due piloti di formula uno: Phil Hill e Wolfgang Von Trips. La storia dei due si dispiega attraverso immagini, parole e video con un’atmosfera che evoca suggestioni tratte dall’abstract painting e dalla pop art. La GAMC Galleria d’Arte Monderna e Contemporanea di Viareggio ospita Chromosomes, la mostra curata ancora da Domenico De Gaetano e Alessandro Romanini e creata da Volumina che propone 70 fotogrammi tratti dai più famosi film di Cronenberg, catturati nei laboratori del Centro Sperimentale di Cinematografia ed elaborati digitalmente dal team grafico di Volumina sotto la supervisione del regista stesso per poi essere e stampati su tela pittorica con una modalità innovativa, e acquisire una nuova vita oltre lo schermo. Pur non potendo prendere parte al festival David Cronenberg interverrà via Skype sia mercoledì 18 al cinema Centrale (ore 21) sia sabato 21 alle 17.00 presso il Cinema Centrale per terrà una lezione di cinema alla quale parteciperanno Claudio Bartolini, Domenico de Gaetano, Nicola Borrelli e Stefano Giorgi (direzione artistica del festival). L’omaggio prosegue lo stesso giorno alle 18.30 presso la Chiesa di San Francesco, con l’esecuzione di una selezione di musiche dei film di Cronenberg (tra cui M.Butterfly, Inseparabili e La promessa dell’assassino). Il concerto sarà eseguito dall’orchestra sinfonica del Conservatorio Luigi Boccherini di Lucca e diretto dal Maestro Gianpaolo Mazzoli (Direttore del Conservatorio Boccherini). L’omaggio a Cronenberg comprende anche una quarta mostra, interamente dedicata a manifesti, locandine e fotobuste rare che ripercorreranno la carriera del regista canadese lungo tutto la sua filmografia di lungometraggi (dall’8 al 22 marzo, presso l’auditorium Fondazione Banca del Monte di Lucca). La mostra è curata dal saggista e collezionista Paolo Zelati, uno dei più importanti critici italiani di cinema horror.
    Omaggio a Roberto Nanni
    Da sempre attento al cinema sperimentale e di ricerca, il festival quest’anno propone un’articolata personale del cineasta Roberto Nanni, dai primi lavori fino agli ultimi video realizzati nel 2014. Nanni ha lavorato con quasi tutti i formati di registrazione oltre ad aver approfondito la tecnica del found footage (l’utilizzo di materiale video preesistente, decontestualizzato e rimontato per ottenere un nuovo risultato) e lavorato sulla sintesi tra il linguaggio sonoro e quello visivo. Il suo trentennale percorso si è intrecciato con quello di musicisti e cineasti come Steven Brown e Tuxedomoon, Derek Jarman, Gabriele Panico, Oren Ambarchi. Tutti i film della sezione a lui dedicata saranno proiettati in una nuova versione digitale, realizzata dall’autore appositamente per il Lucca Film Festival a partire dai materiali originali (vari formati di pellicola, video analogico e digitale). Oltre alla retrospettiva l’omaggio prevede, mercoledì 18 alle 22.00 presso la Sala degli Affreschi del Complesso di San Micheletto, un concerto durante il quale il compositore Gabriele Panico eseguirà dal vivo alcune musiche da lui composte per tre lavori di Nanni.
    Concorso internazionale di cortometraggi
    Il concorso presenta 26 i corti in competizione, firmati da esordienti e nomi illustri, come Alessandro Amaducci, videoartista torinese di grande rilevanza nel panorama italiano, Nicolas Provost, regista e visual artist belga di fama internazionale. All’interno della sezione anche uno sguardo interessante al cinema sperimentale coreano, con una serie di corti d’animazione. Graham Greene, attore candidato all’oscar, sarà protagonista di uno dei corti del concorso diretto da Ray Arthur Wang. La giuria internazionale sarà composta da Mason Shefa, giovanissimo regista sperimentale americano, Cynthia Tompkins, professoressa della Arizona State University e Francesco Alò, giornalista e critico italiano e Antoni Pinent, cineasta spagnolo più volte in concorso al festival. La premiazione del concorso si terrà venerdì 20 alle 21.00 presso il Cinema Moderno.
    Lucca Effetto Cinema Notte (21 marzo)
    La terza edizione di Lucca Effetto Cinema Notte si terrà il 21 marzo, in occasione della chiusura del festival. Trasformerà la città in un set cinematografico a cielo aperto. La città toscana sarà divisa in dieci aree tematiche, ispirate ad altrettanti generi cinematografici, 43 location saranno allestite come set dei film di riferimento (progetto ideato da Stefano Giuntini per la Fondazione Banca del Monte di Lucca).
    Prezzi: Biglietto giornaliero (incluse le lezioni di cinema e le serate di gala): 10€ / ridotto 7€; Abbonamento completo (incluse le lezioni di cinema e le serata di gala): 25€ / ridotto 20€; Singola lezione di cinema o singola serata di gala dei premi alla carriera: 5€ / ridotto 3€; Biglietto giornaliero speciale per 16, 17, 20 e 22 marzo a Viareggio a 5 €.
    Informazioni su http://www.luccafilmfestival.it
    Ufficio Stampa Lucca Film Festival (Antonio Pirozzi 339/5238132; Olimpia De Meo 320/0404080 e Francesca Corpaci 339/2439292); Davis & Franceschini – Lea Codognato/Caterina Briganti – tel. 055/2347273 (info@davisefranceschini.it); Relazioni esterne Fondazione Cassa di Risparmio diLucca: Marcello Petrozziello (0583 472627; 340 6550425); comunicazione@fondazionecarilucca

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...