L’arte di Valentina Malavenda


Benvenuta su Word Social Forum Valentina

Grazie! ;P

Chi è Valentina Malavenda?

Eheh, mah…una sognatrice ad occhi aperti più di tutto credo…decisamente introversa e taciturna.

Come nasce e si sviluppa la tua passione per la fotografia?

E’ una delle tante cose che mi ha affascinata fin da piccola, a casa mia si son sempre fatte un sacco di foto e l’indirizzo dei miei studi comprendeva anche una sezione dedicata alla fotografia dove si praticava dallo scatto allo sviluppo della pellicola in camera oscura. La bellezza dello sviluppare le proprie foto era unica…stare li e passaggio dopo passaggio veder comparire il risultato del proprio “lavoro”…

Insomma la fotografia mi ha sempre accompagnato nel corso degli anni e ho sperimentato, sperimentato, sperimentato, come è poi mio solito fare in diversi campi =)

Quali sono stati i tuoi primi passi nel mondo dell’fx e quali artisti hanno maggiormente influenzato il tuo modo di creare?

Diciamo che da ammiratrice del mondo del cinema è una cosa che mi ha sempre incuriosita, ma pensavo fosse una cosa irraggiungibile se non con studi mirati, costosi, ecc.. certo ho appreso solo le basi e vorrei approfondire, ma è comunque un punto di partenza su cui lavorare…fondamentalmente non so stare con le mani in mano!

Mmmmh…artisti che mi piacciono ce n’è parecchi, più o meno contemporanei…HR Giger, Luis Royo, Victoria Frances, Marcela Bolivar, Ansel Adams, Rebeca Saray, Dylan Cole, Tim Burton, Andrzej Dragan, Annie Leibovitz.

La tua fotografia attuale fonde insieme due mezzi: il make up e il cinema. Come nasce e si sviluppa questo connubio?

Beh l’uno è parte dell’altro fondamentalmente…mi piace il mondo del cinema e il make-up fx viene “utilizzato” in buona parte di esso.

Che cos’per te la fotografia e nello specifico una foto?

La fotografia può essere tante cose, è un potentissimo mezzo di comunicazione, un modo di rappresentare se stessi, i propri pensieri, di esternare qualcosa che non si può o non si riesce ad esprimere con le parole, l’ immortalare un istante, il ricordo di un momento passato.

Se uniamo la  fotografia ad altre tecniche si può andare davvero andare oltre la realtà di ciò che conosciamo e sviscerare il mondo che ognuno di noi ha dentro, il più è riuscirci e avere il coraggio di farlo. La foto in sé e l’arrivo, il risultato finale…

Come nasce e si sviluppa tecnicamente un tuo lavoro?

La mia tecnica diciamo che è in continua evoluzione, sperimentando molto, ho sempre nuovi spunti su cui lavorare e da cui tirare fuori qualcosa. Per ora non mi focalizzo su una tecnica in particolare, ma cerco di applicare le mie conoscenze in base a ciò che più si addice al concetto, all’idea, al pensiero che vorrei sviluppare ed esprimere in quel momento. Non credo ci sarà mai un vero punto di “arrivo” per ciò che si apprende.  Il  mondo va avanti, cambia, si evolve, per cui ci sarà sempre qualcosa di nuovo da conoscere.

Come nasce il progetto Human experiment.

Eheh è nato dall’unione di alcune mie passioni, fotografia, effetti speciali e la digital art, cercando di esercitarmi con l’una è l’altra ecco il risultato. E’ un progetto ancora aperto, sono ancora nella mia fase sperimentale ed è da qui che nasce il nome in se “Collateral – human experiment”, la deduzione dovrebbe venire da se…esperimenti sulle persone con effetti collaterali…purtroppo per loro eheh…ciò non toglie che cerco comunque di dare un senso, una vita al risultato finale.

E’ una fase di passaggio sicuramente, ma fa comunque parte di me, del mio modo di “vedere”, di ciò che mi caratterizza e per me è come una valvola di sfogo, un momento di relax dal quotidiano.

Quanto difficile essere Giovani fotografi oggi, in Italia?

Non ti saprei proprio rispondere sinceramente, per me la fotografia è un mezzo che utilizzo a livello personale quindi non credo di essermi mai davvero confrontata con ciò,  ma immagino sia molto difficile e non solo nel mondo della fotografia.

Puoi anticiparci qualcosa dei tuoi progetti futuri?

Cercherò di portare avanti il progetto “Collateral – human experiment” e un progetto più personale di cui per ora preferisco non dire altro.

Grazie

A voi =)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...