Schegge Omanite – Epistemologia liquida di un rientro in europa (Furori Menù travelogue)


P1060787x

“Una ferita è anche una bocca, una parte di noi che sta cercando di dire qualcosa.” (Jim Hillman)

*

Frullo queste immagini direttamente nella blogttiglia, senza rileggere troppo. Grande è il piacere della forma primitiva di un incontro, quello col massimo dell’aderenza possibile al proprio percepito. Tornare è un po’ morire, dopotutto, si negozia una traccia percorribile col quadrato che fanno le cose pesanti intorno. Non ci sono buoni sentimenti da salvare, l’unico sentimento plausibile è la sincerità verso se stessi, la nudità ombrosa con cui veniamo al mondo.

Rifletto mentre atterro, penso alla veglia resistente dell’amico poeta Franco Arminio. A casa nostra le cose morte trionfano nell’ombra dei riti della sublimazione sociale, la morte si ingigantisce parlando d’altro, si occulta a cottimo nei buoni vestiti d’occasione che siamo, quando la natura ci saluta correndo via sui finestrini del reale. Mi rifiuto di credere che possa esistere un’Arte da elevare sopra l’esperienza sensibile, la corruzione pattuglia il limite del nostro starci.

P1070203

Divenisse questo blog un travelogue esistenziale collettivo, piuttosto che la deriva esistenzialista in cui certe volte si riduce, la mia leggera ansia proverebbe a placarsi. Chi siamo, ci si domanda, per incorniciare altro che suoni, visioni, sensazioni, angolature personali, in un ordine sparso di flussi che rispetti la fonte senza aggiungere l’ordine bello delle punteggiature, le commissioni estetiche dell’intelletto, le dinamiche perverse del tradizionale culturame web. I musei m’annoiano, le persone che girano intorno alle opere, soprattutto. Se c’è un’Arte, mi convinco, non è percepibile se non nelle profondità di un silenzio, poco prima di concepire il comunicabile. Un ossimoro fuori luogo, buono a chiudere la page WSF per oggi, mediamente, me ne rendo conto.

*

Volo basso, cosa volete, le notizie sono le stesse di tre settimane fa, il giorno che son partito per l’Oman, solo più masticate e sciatte ogni poco di tempo che passa. Per terra si osservano di sguincio i soliti tredici cadaveri neri sul labbro inferiore dell’Europa, nella dimenticanza del cortile di casa, con tanto di culi girati delle fate morgane di famiglia. L’Europa è cosa nostra, non c’è arte né filosofia qui, non vedo la coscienza pubblica e non mi basta quella privata. Soffro di cose minori come le conseguenze endemiche della mia incapacità di ordinare le cose, non do più mani di vernice sull’ombra da anni, il solo pensiero che si passi buona parte della vita con l’assurdo pennello in mano mi fa sorridere. Penso ai cazzi miei, perlopiù, cerco almeno di non imporli agli altri. Mi occupo del mio terraterra svuotato dal viaggio, sposto carte, bollette, magliette, bottiglie, scarpe, chiavi di casa, chiavi inglesi, dizionari, post-it, biglietti da visita, buste, bustine, libri che non leggo più da tre anni. Non so se avete presente come possano guardarvi col pieno di sarcasmo le scarpe vecchie che non buttate, da sotto una mensola bassa, quando la dura militanza le arriccia beffardamente in punta.

P1060882

Le procedure di ripristino mi circondano con il taglio della loro malevola necessità, una casa presentabile, il sanatorio dei sadismi delle burocrazie fiscali, qualche sospeso umano cui rendere conto, una mente da registrare sul minimo decente per rientrare sottotraccia in mezzo a colleghi che vogliono sapere, per resistere alla maggioranza degli altri per cui sono un articolo detestabile. Si sta come d’inverno, tra i paletti delle dinamiche idrocefale che sostengono i castelli di carte delle organizzazioni, a casa italia (e sugli alberi le foglie – chiedo venia).

In compenso, le hostess della Lufthansa sanno essere brutte, secche e sgradevoli come poche altre. A Francoforte sono uscito a fumare una sigaretta ed era già inverno, una luce corrotta e un vento come fosse ancora l’ultimo giorno, da curvarsi l’anima in fretta per salvare il salvabile. Ce l’avevo su ancora testardamente con una madre e una figlia, svizzere tedesche, gente danarosa che infila le sacche da golf oltre i tuoi zainetti nel tunnel radiografico dell’aeroporto di Muscat, gente che poi sgomita per passarti avanti a riprenderle senza alcuna necessità che quella di ostentare status, arroganza, un fiato di xenofobia di ritorno da vicinato italico.

Te ne vai verso l’imbarco passando sotto il grugno finto-allegro della signora svizzera, del suo marito che incula tutto il tempo un laptop nelle interminabili attese dei saloni delle partenze, un tizio distante con cui non scambierà una parola per tutto il volo su Frankfurt. Tagli in due quel sorriso scemo commentando in buon inglese la generica proverbiale educazione del popolo svizzero. Lei barcolla, accusa il colpo, risponde: …Sorry? E poi sbotta qualcosa che non t’interessa più, o t’interessa troppo per calartici pienamente, che sai già di avere una lama esasperata che ti scuce la tasca posteriore, lei diceva qualcosa sulla storia dei “soliti italiani” che puntini puntini, e amen.

P1060773

Penso che sto rincretinendo, Francoforte e Heathrow si contendono il guiness degli Hub europei più frequentati, trentatre centilitri di acqua tedesca costano due euro e cinquanta, tre giornate di paga del massacrante lavoro di un operaio indiano. Una atroce minchiata che non ammette alcuna scusante di giro economico e poi, non sei nemmeno arrivato a casa, certe sviolinate di nervi ti serviranno a rientrare compensando, quando l’estate andrà a nascondersi sul punto opposto della rivoluzione terrestre, metafore comprese. Adesso, cerca di stare un po’ tranquillo.

Giacchè si aprono infine le doors esterne del Leonardo da Vinci e trovi lei, la solita, confusa nel consueto apparire dei ritorni, lei come un reflusso esofageo si proietta avanti nello spiazzo inframondista che non si riesce più a classificare, l’insidiosa bagascia romana. Ne stendono il vessillo i suoi sgherri molesti del servizio auto NCC, le maschere di centurioni incattiviti fanno a gara per accaparrarsi fuori dalle regole le turiste più gravide di borsoni, mentre venti metri più in là un popolo di taxi ufficiali fa la fila di Maria e i guidatori masticano scazzi, ognuno chiuso nell’arbre-magique esclusivo del proprio abitacolo. Chiunque di loro provasse a fare una manovra analoga vedrebbe spuntare dal nulla un vigile in borghese, e la bellezza di una nostrana multa da duemila euro stampata sul grugno.

E’ tanto tempo ormai che darei pure volentieri ragione e soddisfazione al culo secco, insoddisfatto, della signora svizzera, come non concederle un po’ di sana ragione. Dunque torno così, felice e frastornato, al casino intimo della mia piccola abitazione, alle procedure di ripristino degli zaini e di una facciata sociale e culturale che mi interessa sempre meno. Ogni anno che rincaso dal mondo mi convinco sempre più come la vita stia velocemente abbandonando la vecchia zattera europea, rimangono i riti ossessivi del fetish economico, l’ombra decadente dei secoli sublimata in procedure, il chiacchiericcio noioso dei salotti, uno sbando di ricchezza ignorante, di falsa educazione, cui ogni poveraccio nel cerchio di stelle, benestante o meno, continua ad aggrapparsi con astio montante.

P1060937Torno da un paese giovane e rilassato, moderatamente benestante, una terra di roccia e poesia e mare turchese e infiniti spazi e tempi da abitare, dove lo sguincio turistico è ancora un’eccezione e il sultano è un tipo modesto e illuminato, che si preoccupa del bene comune. Muscat e Sur sono due deliziose piccole città dove i vicini grattacieli stile Abu Dhabi sono banditi, le uniche misure ammesse sono il bianco delle case, il caldo della roccia, la prossimità attiva delle tradizioni, una religiosità tranquilla, l’umanità partecipe e rispettosa che ti accoglie dolcemente.

Bentornata, maledetta europa, il giorno che scopro le ovvietà della crusca, come le vergogne nostrane facciano manipolo compatto con le allucinazioni di tutti, in-continente. E mai più, volare Lufthansa. La puntualità gelida con cui ti recapita a casa tutto bollato e certificato, l’efficienza della polizei aeroportuale che ti smanaccia le palle ripetutamente. Mi manca persino la vecchia Alitalia sfasciabilancio, la rombante spensierata che atterrava ovunque tra sbuffi di assertiva fantasia, quella che negli anni sessanta e settanta sponsorizzava i -Riusciranno i nostri eroi- degli Scola e dei Risi, e volava alta insieme al miglior Cinema del mondo.

Voglio tornare a partire e arrivare in ritardo, ostinatamente, per tutto il resto del tempo che ho davanti. Potrebbe anche essere un buon inizio, dopotutto.Fr

*

– to be continued –

P1070288

P1060970

P1070064

P1070307

P1070217

P1070248

P1060755

P1060844

P1060793x830

P1060889

P1070308

P1060928

P1070271

P1070273

P1070054

P1070085

P1070115

P1070134

P1060986

P1070106

Annunci

12 pensieri su “Schegge Omanite – Epistemologia liquida di un rientro in europa (Furori Menù travelogue)

  1. lo so che l’invidia non è un bel sentire, ma ahimè la provo.
    soprattutto per chi vive esperienze come la tua, alessandro.
    ho una cartina geografica piena di segni e di vorrei.
    e credo che questa vita non mi basterà mai, però posso farmi bastare i reportage degli amici – un po’ come esserci andata e averle vissute.

    grazie 😉

    Rispondi
  2. Per chi si mette in cammino, in un certo cammino, non c’e speranza che il pavimento del ritorno non tremi. Vah che si sente, da dentro e non dalla base dello zaino che resta lì.

    Rispondi
    • Già, il pavimento da rifare, è qualche anno ormai che litigo col condominio, manca pochissimo e cambio casa. In Oman, ad esempio, è tutto un lavorio pubblico per rifare le strade di fango che corrono in mezzo ai Wadi.

      Rispondi
  3. C’è chi viaggia e chi vive il Viaggio, e di sicuro non sbaglio se ti colloco tra i veri Viaggiatori.
    Hai ragione, l’Occidente ormai è avvitato su se stesso, involuto, decaduto, per capirlo basta un clic, per comprenderlo bisogna allontanarsene, guardarlo da molto lontano, con occhi puliti e braccia spalancate. Fatto questo, è davvero difficile rimettersi gli abiti smessi e ammuffiti della nostra quotidianità ingabbiata. E’ bello leggere un reportage che inizia dalla fine, un Viaggio che parte ritornando…. aspetto presto, accoccolata sul divano, il seguito. Dalla fine all’inizio.

    Rispondi
  4. Ale, bello questo fine inizio di reportage, un po’ amaro il giudizio su l’Europa, ma le cose che dici su di lei si percepiscono anche da vicino, o comunque senza viaggiare lontano. Sai, l’Oman e’ il paese che vorrei vedere da sempre. Avevo 20 anni quando rubai una foto sulle sue spiagge a casa di una famiglia inglese. Raccontaci ancora del tuo viaggio …

    Rispondi
    • si percepisce anche qui, vero, e talvolta un episodio particolare ti fa entrare al centro sensibile della percezione, devo alla signora svizzera, alle sue arroganti mazze da golf anti-italiane, il punto di fusione del brano, una cosa che non m’era mai capitata in viaggio. forse, stiamo peggiorando tutti, la scarsità ci indispone, Idee non ne circolano da anni e l’identità è sempre stata una chimera. bentrovata 🙂

      Rispondi
  5. Articolo ammaliante: leggo da inizio a fine tutto di un fiato e poi ritorno alla citazione iniziale e mi dico che forse vado conoscendomi e mi ritrovo attraverso ciò che mi nausea, che una certa deriva esistenzialista è purtroppo uno stato naturale cui solo la percezione , seppur momentanea, l’illusione ovvero, di poterci slegare da tutto placa quell’ansia eternamente stagnante tra doveree potere, tra volere e ottenere, tra cercare e trovare, tra desiderare ed attendere. L’occidente è vero, nel risultare culturamente evoluto, sembra avere una morale parecchio autoreferente in cui nessun passo viene fatto per costruire nuovi modelli sociali , nuova mentalità per superare la crisi di valori e prospettive di cui si parla più o meno apertamente dai tempi di Marx. Ecco che un viaggio nel resto del mondo apre uno spiraglio perchè ci si possa immaginare diversi , figli di una natura mutabile e non immutabile ed asfissiante come quella che pare serrare l’Europa da tre secoli a questa parte. Capisco il tuo scazzo a Francoforte, uno dei più importanti scali internazionali e simbolo di un capitalismo vincente. In questo senso l’aereoporto di Monaco è anche peggio: più che un aereoporto sembra la hall del Ritz. Al di là di tutto, però la Lufthansa la salverei : una delle migliori compagnie al mondo per me. L’Alitalia, ecco, ma anche no. 🙂

    Rispondi
    • Dai miei traumatizzati punti di vista ho un problema con la -deriva-, più che con l’esistenzialismo, che è una condizione cui la coscienza ci spinge per necessità contingenti. Illusione è la condizione umana, che ci si sleghi o leghi non fa gran differenza, salvo che per il contesto sociale e culturale che ci traina come carretti, la società e le organizzazioni non ammettono che legami affiliativi, tendenti all’omologazione, e con questa dinamica occorre mettersi in rotta di collisione.
      Mancano le idee, i sussulti, da troppo tempo qui da noi. Le cose vive producono discontinuità a ciclo continuo, non sono tutte piacevoli forse ma il fatto di vedere movimento rassicura, nel secondo e terzo mondo il disallineamento e la scarsità producono e verificano ancora modelli, pensieri, evoluzione. L’Oman è una terra di opportunità da cogliere, dove l’economia viaggia nella misura dell’anima, in un certo senso. Anche la questione femminile vive una dinamica naturale, la completa velatura tradizionale delle nonne va in gita con i chadorini colorati delle nipoti che scoprono la caviglia, il tempo e lo spazio danno ancora l’illusione di poter contenere tutto, sono questi i vettori di -superiorità- che colgo. E il fatto che non si abbia ancora notizia di alcun ristorante italiano nel paese, ci sto pensando seriamente, avrei bisogno di sodali giustamente sbilanciati per costruire il progetto, naturalmente, e questa è anche una proposta Mid, interessa? Su certo -germanismo-, Lufhansa compresa, mi son forzato negli anni ma ho perso, lo detesto come “loro” detestano le nostre pizze-mandolini, c’è poco da fare, solo che poi ci amano pure, più o meno nell’ombra, ecco, non credo di poter affermare il reciproco 🙂

      Rispondi
  6. ” Ogni anno che rincaso dal mondo mi convinco sempre più come la vita stia velocemente abbandonando la vecchia zattera europea, rimangono i riti ossessivi del fetish economico, l’ombra decadente dei secoli sublimata in procedure, il chiacchiericcio noioso dei salotti, uno sbando di ricchezza ignorante, di falsa educazione, cui ogni poveraccio nel cerchio di stelle, benestante o meno, continua ad aggrapparsi con astio montante.” Articolo interessante che ho letto a “bocca aperta”

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...