Scatti d’istanti vicini


Mercoledì 3 settembre, ho incontrato Rosa Colacoci e Tiziana Ruggiero al Bernardi Caffè di Taranto in Corso Due Mari. Avevo avuto modo di apprezzare Rosa e Tiziana alcuni mesi prima, in occasione della manifestazione “ Stanza 101”, premiate per la sezione Fotografia in quanto creatrici del portale “Welcome – Passione Foto”.
Ci sediamo, loro prendono un bitter rosso, io, invece, avevo voglia di qualcosa di particolare che, sciaguratamente si è concretizzato in un Irish coffee dal gusto deciso, ma fonte del mio pentimento: il climatizzatore non rinfrescava e l’alcol riscaldava. Un foglio di carta e vento fu: poca cosa, per ottenere tregua necessaria.
Si sa, la Puglia è sempre stata terra di grande calore e passioni e le due artiste ben le rappresentano. Entrambe stanno mettendo a fuoco temi riguardanti il mondo delle donne con una diversa specificità nonché sensibilità.

1185587_10200718913756532_1916754843_n


Se Rosa Colacoci volge il suo sguardo alla diversità e quello che viene fuori da un rapporto di dipendenza affettiva: manipolazione, influenza emotiva e distorsione della propria identità, Tiziana Ruggiero è più portata a scandagliare la sensualità del femmineo e dar voce alla creazione di cui la donna è partecipe –custode, desiderio e madre, liberazione da stereotipi che la incatenano in gabbie invisibili.
Rosa si presenta con questa frase: “Mi piace l’emozione, osservare il mondo con gli occhi degli altri, cerco, attraverso le mie immagini, di trasmettere passioni per emozionarmi ed emozionare”. Il suo interesse per la fotografia risale a
1i tempi in cui le piccole macchinette a rullino le davano la possibilità di immortalare istanti di normale quotidianità, ma la passione vera e propria esploderà più tardi, permettendole di scavare nel mondo misterioso delle immagini fotografiche.
Tiziana e Rosa sono amiche da anni e la passione per la fotografia ha permesso loro di intraprendere un percorso artistico capace di fare della loro amicizia, laboratorio di confronto per una più profonda e solidale comprensione umana.
 Il primo scatto che Tiziana ricorda, e che in qualche modo segna l’inizio del suo percorso è stato ad un artista di strada a Firenze. Il mondo le girava intorno con la sua spensieratezza, le risate dei ragazzi, ma il suo occhio andava a quell’angolo di strada, dove l’artista se ne stava ritirato, quasi in preghiera.

Per Rosa l’inizio è stato segnato da una foto a sua figlia Asia, dal titolo “Ho messo via”. Con questa foto, Rosa vuole raccontare l’adolescenza che mette via tutte le illusioni dell’infanzia e che si affaccia ai rumori della vita.

2)

Cos’è per voi l’arte e qual è il vostro soggetto preferito?

Rosa: L’arte per me è unione, riesce ad unire i generi nella loro differenza, fino a divenire superamento di ogni differenza. Il mio soggetto è il “sentire” attraverso le persone che “sentono”. Con le foto impongo il mio sentire convoglio il messaggio che ho in mente, senza lasciar spazio ad interpretazioni.
Tiziana: Io non scatto fotografie, fermo un’emozione nel mio cuore e il mio soggetto preferito è la donna. Considerato il momento storico che stiamo vivendo, cerco di comunicare un’essenza di donna senza tempo, slegata da dogmi. Una donna che possa rivestire tutti i ruoli che sente senza divenire nessuno di questi. Ultimamente sto collaborando con Elena Diciolla, artista tarantina, sul tema della violazione della donna e della sua essenza. Sto realizzando un servizio fotografico di cui lei è modella e, in un secondo momento, dalle foto da me scattate lei prenderà spunto per realizzare dipinti: un percorso dallo scatto al dipinto. Il messaggio che vogliamo trasmettere è di denuncia e che dalla drammaticità possa nascere una donna “salva”.

3

Qual è la foto che vi rappresenta di più?
Tiziana: Prigioniera di me stessa. Questa foto rappresenta tutta la mia vita, la mia interiorità di prigioniera. Le mani spingono qualcosa che non si vede, ma c’è. La foto è stata inserita anche nell’antologia di Alessia Amato “RivelAzioni al femminile” e con questa foto ho vinto il primo premio al concorso nazionale, “Immagini del Bel Paese”, sezione Tema Libero.

4a

C’è anche un’altra fotografia alla quale tengo moltissimo: “La sposa, muta”, che si è classificata tra le prime 186 foto su 1054 partecipanti da tutto il mondo al concorso internazionale “Relazioni” della Fondazione Zoe.

4

Rosa: Tutto ciò che rappresento è parte di me, ma ciò che più, oggi, rappresenta il mio pensiero è lo scatto della donna incinta con, di lato, un quadro. “Siamo tutti figli della stessa anima

5
Con questo scatto intendo esprimere il mio desiderio di un mondo diverso, nel quale tutti sono diversi, ma tutti hanno uguali opportunità.

Quali sono stati ad oggi i vostri impegni e quali per il futuro?

Rosa:  A gennaio la famosa rivista di cultura ed arte “URBIS ET ARTIS” ha pubblicato la foto qui sotto inserita.

6

Ho collaborato con la poetessa Silvia Calzolari alla sua nuova silloge 2013  “Ho-oH“, realizzando scatti per le sue poesie.
Sono presente con alcune mie foto nel blog “Filosofia dell’amore erotico” ideato e realizzato da Francesco Alberoni e Maria Giovanna Farina, per la rubrica Paritismo

7

A novembre parteciperò alla mostra evento organizzata da Sergio Malfatti e Massimo Giusto, nella session New Art .
Attualmente ho in corso un progetto, con lo scultore Antonio Santoro:  il mio impegno è quello di interpretare le sue opere. Realizzeremo di questo lavoro, una mostra che si terrà, prossimamente, al “Carlo V” di Lecce.
Il secondo è un progetto-denuncia rivolto a destare l’ attenzione verso i soggetti più esposti alla cultura della sopraffazione.

8a

Tiziana: Ho, in corso di realizzazione, un progetto con il fotografo Alfredo De Lucreziis. Parleremo della donna con sessanta immagini di sessanta personalità pugliesi e i simboli che hanno formato le loro personalità: una sorta di parallelismo tra la donna di riferimento che ha segnato la loro vita e loro stesse, un guardare dal punto di vista del riferimento ideale formativo. Il personaggio ideale, dalla loro testa, uscirà per essere personificato dalle protagoniste nella loro quotidianità.
Di prossima pubblicazione c’è anche un libro che verrà pubblicato dall’editore Domenico Sellitti, della casa editrice Edit@, a più mani e soprattutto femminili, che parlerà dell’amore erotico, con nudi femminili dal puro e sensuale significato sessuale.
8

Di solito i nudi vengono associati a mancanza di pudore, ma per me non avere pudore è solo di chi desidera spogliare la persona nella sua intimità senza chiederne il permesso. L’intimità è sacra e non va violata.
In questo momento sto curano un progetto con l’artista Luigi Pignatelli, vittima di diversi attacchi omofobi e a brevissimo verrà pubblicato, a riguardo, un suo libro “La scala di carne” corredato dalle mie fotografie

9

L’intervista finisce e guardo le due artiste mentre si allontanano a piedi, la mia strada di ritorno sarà su di un’autostrada verso il nord, di un mondo che a me si è aperto e non potrà mai essere sud.

Ciò che la fotografia riproduce all’infinito ha avuto luogo una sola volta: essa ripete meccanicamente ciò che non potrà mai più a ripetersi esistenzialmente. In essa, l’avvenimento non si trasforma mai in altra cosa: essa riconduce sempre il corpus di cui ho bisogno al corpo che io vedo; è il Particolare assoluto, la Contingenza sovrana, spenta e come ottusa, il Tale, in breve la Tyché, l’Occasione, l’Incontro, il Reale nella sua espressione infaticabile

Ronald Barthes

Annunci

12 pensieri su “Scatti d’istanti vicini

  1. Che dire….. prima che due bravissime fotografe, Rosa e Tiziana sono delle belle persone dall’animo nobile!! siete l’orgoglio pugliese. Grazie per l’entusiasmo che riuscite a trasmettere.

    Rispondi
  2. Tiziana Ruggiero direi che l’ unione della nostra arte porterà una cassa di risonanza maggiore sul problema di cui si tratta molto al giorno d’oggi………….ma che deve rimanere sempre al max dell’attenzione sociale dell’intero Paese. Un onore poter essere tua modella un forte abbraccio Elly

    Rispondi
  3. Rosa Colaci e Tiziana Ruggiero sono due artiste nelle loro specificità che sostengono e accompagnano con i loro splendidi e coinvolgenti scatti il senso femminile e il senso paritista e non solo che tende al diritto e all’eguaglianza umana. In un contesto sociale ove ancora è difficile affermare il libero essere, Rosa Colacoci sa donarci un senso raffinato eppure determinato di approfondimento e riscatto umano inteso come PERSONA…oltre il genere e nel genere. La provocazione fotografica scuote e stimola alla riflessione in reazioni molteplici in chi “guarda” e/o si immerge nell’opera. La mai banalità contraddistingue il suo lavoro che è costante ricerca e dono di emozione. Tiziana propone fotografie che sono specchio della condizione donna, oltre la visione apparente comprendendo a fondo e trasmettendo quel senso di soffocamento e di prigionia che ancor oggi condiziona l’essere donna. In un’epoca in cui si ha estremamente bisogno di sostanza e autenticità nell’essere che superi l’apparire, il loro percorso non solo è pregno di ricchezza ma aggiunge al contesto sociale attraverso un intimismo che è sempre profondo rispetto e naturalità. Silvia Calzolari

    Rispondi
  4. Ecco un esempio di ritratto che ti invita a cercare un significato autoriale! Un esempio di ritratto accattivante per tutto quello che non ritrae ancora o non ritrae per intero!
    Si parlava, altrove, di ‘immagine forte e cruda che ti scandalizzi l’anima’… Ebbene, alcune di queste immagini hanno una crudezza gestita con estrema maestria, di fronte alla quale l’occhio viene messo in grado di non farsi distrarre da baracconate passate di moda già dopo la seconda esibizone pubblica e di soffermarsi, quindi, sulle reali oscenità che l’uomo, più di qualunque altro essere vivente, è in grado di perpetrare. In queste foto risalta una pornografia dell’anima che ti racconta, ancora una volta, lo scandalo delle esistenze e delle libertà violate o negate.
    Una visione bellissima, per me, nella quale raccogli tutto il male possibile e lo vedi raccontato con un’eleganza meravigliosamente stridente!
    Complimenti.

    Rispondi
    • “Artiste”, hai detto bene!
      Queste sì, che lo sono, per me.
      E, ancora di più, sanno ritrarre quell’angolazione della ‘esistenza’, tale che anche il buio venga visto.
      Bravissime, davvero!

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...