Appunti su “Geografie di un orlo” di Emilia Barbato – CSA Editrice 2011


geografiediunorloemiliabarbatowsf

L’opera di Emilia Barbato ci parla attraverso gli occhi di una madre che si offre “senza più geografie”, all’amore forte per una figlia.
E’ questa l’introduzione che ci accoglie, ci fa accomodare, una sorta di comunicazione, calda – amorevole, una voce guida.

Il libro è suddiviso in tre parti:

Frattali
Geografie
Paesaggi

La prima parte ha in se la voglia di lasciarsi l’oscuro dietro le spalle, qualcosa da smettere non solo come se fosse un abito, ma anche e soprattutto come pelle, una sorta di desiderio che attraversa e che alla fine dopo tutto il dolore ci sia il silenzio come una salvezza.

Mi ritorni.
Entri senza bussare,
come un’aria cupa in un vicolo stretto.

Sparpagli fogli, con mani di trasparenza e gelo.
Ti guardo nella fragilità della carta,
alla compostezza delle mie paure.

Mi assiepo alle tante altre,
quasi fossimo un prato di cadaveri,
senza scopi.

Ti fai monito e presentimento,
inutilmente cerco di strapparti dalla mente
e accartocciarti,
eppure vorrei che fossi diverso,
che ti prendessi cura delle mie tenaci viole.

Geografie, ha il sapore di una primavera che sta covando sole da una pagina all’altra, fiorisce con il caldo che alla sera a volte è ancora più forte di un caliente sole allo zenit.
Ogni verso profuma e si appresta ad una felicità in fasce.

Me lo ripeto spesso,
la felicità è una domenica
nelle ore pigre,
lontane dal meriggio.

L’incontro dei pensieri
al tepore di una coperta,
lo stare familiare fra le cose
e quel raggio bruno.

L’abbraccio dei pensieri
che si concedono alla vista,
le sfumature delle foglie,
e i miei sentieri quando s’inerpicano.

E’ quel cielo incerto,
quando sorride,
o le manine serene che cercano conferme.
Ha un carattere semplice la gioia.

L’ultima, Paesaggi, vuole dare l’orma per ciò che verrà dopo, il lasciare libero il passaggio e paesaggio dalla pesantezza della neve, che può essere simile ad una parola, chiusa nel buio di un gesto.

Nei gesti abituali,
talvolta si addensa la commozione,
come lo staccarsi delle pagine di poesia,
oppure cercare, negli occhi puliti, la notte.
Tremare della sua limpidezza,
nell’aria tersa di neve.
E’ come se il consueto scivolasse tra pieghe nascoste,
seguendo la lentezza e la cura di un rituale.

Credo nella crescita della Barbato ed attendo con amorevole attenzione le sue prossime parole in carta.

Annunci

7 pensieri su “Appunti su “Geografie di un orlo” di Emilia Barbato – CSA Editrice 2011

  1. …e aspetto anche io “le sue prossime parole in carta”!
    Ha suono lieve che prende per mano questa poesia, resa mirabilmente dal doppio carattere che la redattrice dell’articolo ha sapientemente utilizzato; sembra di ascoltare a destra e a sinistra un sussurro – di chiscrive e di chi verseggia – e credo sia cosa bella, quando accade questa comunione di voci, che sta ad indicare come chi legge è capace di trasmettere quanto ha letto, semplicemente guidato da un sentire profondo, poiché c’è una poesia che è già anima quando la si affida alla carta. grazie ad entrambe.

    Rispondi
  2. E’ difficile tentare una risposta in questo oceano di gratitudine, vorrei almeno esprimere la commozione, perché a volte nel buio della vita pratica piove un raggio di sole. Proprio oggi queste parole così generose, in queste ore dai passi incerti, una tenerezza. Una lettura vicinissima al mio sentire e una cura che sorprende. Grazie davvero.

    Rispondi
  3. Questi testi sono passaggi del libro?

    Trovo che abbiano un linguaggio molto pulito e fluido, carico di intenzioni e molta delicatezza.
    Detesto quel ‘meriggio’, ma è, in questo caso, l’unica nota che non mi suona come vorrei!
    Bello!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...