Estensioni del tempo – Martina Campi


Il sostantivo tempo ci attraversa. A nome e parola, tempo, compare una distesa di pensieri insicuri, si materializza il disaccordo fra  l’ossessione dell’infinito, dalla misurazione umana irrealizzabile , che deride il suo contrario, umano, mortale ed ineguale, il tempo umano instabile, soggetto a norme naturali, senza alcun diritto di replica o di possesso. Il tempo è un corpo che ci attraversa comunque, in accordo o disaccordo con la volontà, generando una diplopia che può fortuitamente adattarsi o sfortunatamente discordare con la misura della vita, ma resta in fondo una percezione sdoppiata tra due termini,  vivo\vissuto. Di quale tempo sia impregnato il lavoro poetico di Martina Campi, “Le estensioni del tempo”, si prende la misura già nei suoi primi versi, attraverso l’uso di una disarmante dolcezza che addomestica la paura, “la cerimonia del tuono va da giù a su (e da su a giù) e non si rompe niente ma tutto si trasforma“: il tempo unicorno trova la parola vergine che lo doma, si fa attraversare ed il libro si apre di raffinate condivisioni di sentimenti e riflessioni. “Più che a modificarli, una poesia insegna a contemplare i pensieri” indicava  Simone Weil, e  la raccolta risulta  ben ancorata nel reale:  il sogno o la visione non sono i soggetti delle riflessioni del verso.  Il verso della poetessa cerca la verità attraverso un linguaggio personalissimo, in cui si apre ad assonanze e lessemi che si distribuiscono in una costruzione stilistica fluida e immediata. Non ci sono fratture o suoni aspri, le poesie hanno un lessico dolce, dalla rima piana, rima femminile per antonomasia come viene indicata da secoli, il ritmo è fluido e si crea attraverso dei filamenti di dieci sezioni o meglio ancora di dieci movimenti, di dieci partiture senza standard, come in senso jazzistico, unite dallo stesso suono fluido ed elegante. I versi prediligono la brevità, ed accolgono ritmi, assonanze, alcune volte anche  rime accennate.

Quale tempo? Tutto il tempo. Il tempo come Natura, come Memoria, come Universo. L’estensione è universale, i dieci capitoli del libro sono frammenti di tempo da ricomporre, ma il luogo del libro è un luogo domestico, un luogo familiare. Forse è un’estensione di una casa ancora ospitale dove “in basso al pavimento\lasciarsi chiamare\lasciarsi sentire\i suoni vivi della strada“, o di un luogo dove riconoscersi o dove essere riconosciute “ti vorrei toccare\così sentiresti\che sono io\ e non la sintassi di un’idea“, in cui vivere il tempo del riposo e della veglia, riconoscendo la possibilità di trovare la grazia lì dove “nello scivolare\dondolare\oltre la sera\ partecipano\ gli oggetti \cari“.  Un mondo addomesticato ma ancora segreto e misterioso, dove l’io narrante è legato al femminile, la pancia, la gatta , “e che il tutto\è a pancia all’aria\come un gatto” , l’acqua che scorre nella pioggia o che si accumula per riempire “memorie instabili, la sete, sotto i capelli”, il fiume in piena.

Le parole riprendono il tempo, e con grazia eterea gli parlano ancora. “Per quanto possa sembrare\abbiamo da imparare \che il tempo non esiste\ è solo il dentro\che si espande“. La negazione del tempo come paura, passa infatti attraverso l’uso continuo che la poeta fa del verbi all’infinito. Infinito scelto affinché le  azioni (e la vita) non siano misurabili al passato e nemmeno immaginate in un indeterminato svolgimento. Sono tempo  all’infinito perché in continuo svolgimento, non ci sono confini; le stagioni sono accennate ma non riconoscibili ad esempio, così le poesie del capitolo “Questi fogli senza nome” chiedono all’Altro di essere riconosciute, indicano che “la via d’uscita\è l’amore”  nonostante le inquietudini che affiorano al suo confronto, come ombre che corrono incontro o come il desiderio di fermarsi e ritornare indietro nel proprio tempo. In tutta la sezione degli Incontri del Sole,  lo spazio è occupato dal passato, fra ricordi di guerre lette nei libri e giorni chiusi dalle notti dove le scale ingialliscono, le chiuse delle poesie invitano ad andare a ritroso, ” accoccolati, cuccioli, primordiali\ accolti” o ancora “nel movimento impaziente dell’accucciarsi“. Il linguaggio non denuncia, ma evidenzia, poesia dopo poesia, che il tempo è imperfetto  “per buona sorte\ la perfezione non esiste”, e il tono è accorato quando trova i vuoti e i dolori ma il linguaggio non si lascia mai a rassegnazione, non ci sono forzature, i versi trovano una loro strada nello “spazio malato, santo, che prende spazio“.  Diversissima per costruzione e lunghezza del metro è “La E del venerdì”, dove l’amore “è un contro incantesimo” spaziato in tre cinquine dove il ritmo si arrotola e inchioda il lettore all’incontro della sera e della casa dove “le parole hanno\ radici come foglie aperte”. Nessun tempo, del resto, è uguale: “oggi nevicano parole

estensioni-del-tempo

dalla sezione

MEMORIA DELLE FOGLIE

***

Era la valigia

nella risacca delle lenzuola

Era l’albero

nelle tossi notturne

Era la finestra

nelle luci

dei messaggi

 

NELLA TERRA

Il passato non è passato

il passato è movimento

le parole sono ferme, le parole sono

gli smarrimenti nella terra sono le parole

e la terra ha calci e polvere

(il colore è sempre quello rosso)

Come luce come fessura come

dita, che si toccano che non si

riconoscono la pelle

i fiumi, le maiuscole

le iniziali

da qualcuno, presto da qualcuno

per lasciargli lo spazio

malato, santo, che prende

spazio

il mattino poco per volta,

per scelta

sulla pancia

 

LA E DEL VENERDì

L’allenamento all’amore

è un contro incantesimo

ci si nutre dell’esempio, sai

come sole sull’erba

che le cellule ricorderanno

perché anch’io sono solo un’altra Lazzara

che cammina, stasera, con le sue gambe in

spalla e le suole basse in questa

stazione bianca che è deposito

per i morti i piccioni e il piscio, agli angoli

Ci caliamo a pareti dove le parole hanno

radici come foglie aperte e lunghe lunghe

e resina che suda dai pori surriscaldati

e sferraglianti di ora, in ora, in ora, in ora

e là, come in cucina, c’incontriamo.

martina-1

Martina Campi nasce a Verona nel 1978.
Dal 1997 vive a Bologna, dove si laurea in Scienze della Comunicazione.
Suoi scritti poesie e racconti brevi si possono trovare in rete, su riviste e siti di scrittura tra cui: «Pi greco», «Musicaos», e il catalogo di Kermesse (con il primo Esperimento di scrittura visuale organizzato da Arpanet, basato sulle opere d’arte finaliste al Premio Italian Factory, in esposizione a Kermesse 2004).
È presente in alcune antologie poetiche. Tra i vincitori del premio Ulteriora Mirari 2011 delle edizioni Smasher, è presente in Fragmenta (2011), antologia a cura di Enzo Campi. Tra i vincitori del concorso Pubblica con noi 2012 di Fara Editore è presente nel volume La forza delle parole (2012), a cura di Alessandro Ramberti. Tra i poeti premiati con Segnalazione al Premio Montano 2012 per la raccolta inedita La saggezza dei corpi.
Co-fondatrice dei progetti di raccolta e autodiffusione di “cose belle”: Foglio d’aria: l’albero delle migrazioni (con Giampaolo De Pietro) e l’ormai defunto Fibonacci (con Sergio Bottoni).
Ha pubblicato la silloge poetica Definito dalla luce (2004) e la raccolta autoprodotta di racconti e poesie Le ombre lunghe (2003).
Autrice e performer, insieme al compositore e musicista Mario Sboarina, del progetto di musica e poesia Memorie dal SottoSuono da cui è nato anche il cd autoprodotto Mani e qualcos’altro (2011).

Annunci

6 pensieri su “Estensioni del tempo – Martina Campi

  1. Pingback: Estensioni del tempo – Martina Campi | Il proteo e la balena

  2. Ringrazio WSF e in particolare Meth Sambiase, perché il tessuto del testo di Estensioni del tempo sembra, qui, estendersi ulteriormente, in ulteriori territori di senso e di sentire che gli sono propri. Propri e contemporaneamente non di sua proprietà: per l’inclusione in un territorio sconfinato di esperienza poetica (un oltre geografico, non solo avverbiale). Ogni frammento riscoperto in questa dimensione contemplativa svela una prospettiva che mi affascina.
    Sono grata per questa lettura che “estende” la mia scrittura (mia ma non di mia proprietà) e che ne tiene accesa la necessità. Non potrei chiedere nulla di più profondo di immersioni come questa. Martina

    Rispondi
  3. Pingback: Estensioni del Tempo – Recensioni , commenti, interviste | Martina Campi

  4. Pingback: Riviste e Webzines | Martina Campi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...