Piccoli “non luoghi” crescono


 

Antonella Taravella – Capo redattore: “Ho sempre sognato un”non luogo”come questo, stava accoccolato nella mia mente ed ero certa che prima o poi sarebbe diventato una realtà. E grazie all’impulso di un mattino di 6 mesi fa si è fatto carne. Oggi festeggiamo i primi 6 mesi e li festeggio con tutti i miei compagni di viaggio.”

Annunci

21 pensieri su “Piccoli “non luoghi” crescono

  1. Scrivendo con parole ed immagini il mondo, lasciamo al nostro Tempo l’impronta della nostra passione. Auguri WSF, cammina veloce che già altre milioni di cose sono accadute e c’è chi aspetta che le raccontiamo.

    Rispondi
  2. Casa bellissima, al punto giusto disordinata. Dove trovi le cose, anche quelle che non sapevi di avere o ci fossero. Casa sregolata eppure identificata. Accogliente e libera di crescere. Bella casa, casa bella.

    Rispondi
    • ti ringrazio per i commenti nerina…un po’ in questo piccolo nascituro ci sei anche tu.
      ma non direi che è disordinata, ha un suo ordine e cioè quello di non avere paletti, di non essere ciclostilato, di puntare all’arte anche nella parola, d’essere diverso e nella sua diversità forse, da fuori, apparire tutto fuorchè ordinato, ma per me ha un ordine tutto suo…
      :*

      Rispondi
      • il disordina è una forma bella dell’ordine, Anto– ognuno ha il proprio nel disordine. se ci fosse ordine, sarebbe ordine e disciplina. allora, ecco. il tuo non lugoo mi piace così. era un “plus”, non una diminutio–

  3. (e sai cosa mi piace, Anto? nessuna se la tira, nessuno ingombra, nessuno sgombra. c’è una felicissima primordiale confusione che produce e risuona. senza vezzo, senza retorica, senza conventicole)–

    Rispondi
  4. è anche grazie a tutti voi se siamo qui e vogliamo continuare ad esserlo.
    WSF crescerà, ho in mente cose bellissime.
    che prima non potevo far avverare chiusa com’ero in luoghi poco affini con la mia idea di sito.

    Rispondi
  5. Auguri a questa stella stella danzante , che rispecchia in toto e con estrema fedeltà il mondo dell’arte di oggi. Questo approccio interdisciplinare e multi-sfaccettato è uno spettacolo, poichè è il solo plausibile nel tentativo di rappresentare l’espressione artistica odierna e il coro di voci che la accompagna. ❤❤❤❤❤❤

    Rispondi
  6. Perché è un non luogo WSF? Forse perché non è germinato da quella terra ricca di depositari assoluti della cultura, luoghi ben precisi, perimetrali (claustrofobici, criptici, etc). Ha la sua terra nelle parole che si guardano ed ascoltano in ogni luogo, e paranomasia privata, è un deposito di cultura. Ed ognuno è un benvenuto magazziniere. Prenda quello che serve. Da qui ai prossimi tempi che verranno fin quando ci sarà estate.
    Auguri.

    Rispondi
  7. “perché non è germinato (nemmeno nascondendosi dietro fallaci intenzioni ‘provocatorie’, aggiungo, per mio pensiero) da quella terra ricca di depositari assoluti della cultura, luoghi ben precisi, perimetrali (claustrofobici, criptici, etc)”

    “Ed ognuno è benvenuto magazziniere”

    Prendo a prestito le parole di cui sopra, non avendone certo di migliori e più efficaci, per esprimere i motivi per i quali questo posto mi è piaciuto molto (non me ne era ancora piaciuto uno, finora).
    Credo che qui ci sia… … … beh, Buona Educazione!
    Ché non è mai scontato; e, ancor meno, facile.
    Grazie dell’ospitalità 🙂

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...