Collettiva “Percorsi” – Cosenza dal 26 giugno al 25 luglio


Un appuntamento importante per Cosenza e la stessa Calabria, una mostra fotografica collettiva ed una serie eventi che si terranno tutti nel centro storico , “Per le antiche strade” ideata da Daniela De Pietro e Ercole Scorza  il cui appuntamento dal titolo “Percorsi “ , inaugurato lo scorso 26 Guigno ,  vede cinque artisti fotografi cosentini proporre i loro sei  scatti tematici,  fino al 25 Luglio presso il chiostro del convento di San Domenico ( ex Distretto Militare) di Cosenza. Tra loro anche una professionista Daniela Rende, che insieme a Giuseppe Greco, Giuseppe De Marco, Eliseno sposato e la giovanissima e promettentissima Giulia Brancati, attendono il visitatore che potrà godere gratuitamente di un percorso attraverso la luce e i suoi diversi percorsi.

Parla delle fasi di uno spettacolo , la luce catturata da Daniela Rende, che come modella ha la ballerina professionista Mary Garrett. Fatica, preparazione, successo,  le tappe di una “ Etoile “, ad amplificare l’effetto dell’immagine anche le scarpette da ballo  , appese alle fotografie, della stessa Garrett.

Ha la forza del colore e delle sue sorprendenti variazioni cromatiche il percorso di Giuseppe Greco,sia quando ritrae il casuale e singolare  accostamento di cassette postali dietro una inferriata , che quando intrappola quelli  della natura stessa che si sbizzarrisce in fiori  ed insetti. Parte così un percorso di  “cattura creazione” che genera  scatti autostradali, che sono la sintesi tra l’azione dell’uomo e la ” semplice complessità” della natura e che  come  degli ologrammi si compongono sotto gli occhi estasiati dell’attento visitatore.In definitiva la sua luce pare voglia suggerire   spontaneamente una domanda: Cosa sarebbe il mondo senza colore?.

Giuseppe De Marco nei suoi scatti approfondisce invece il linguaggio semiotico delle mani, e se è vero che per un pittore ,una delle difficoltà più insormontabili è dare espressione  proprio alle mani, De Marco  vi riesce , giocando  tra l’apparente oblio del bianco e nero e la vitalità del colore  ,proponendo quelle affettuose, rassegnate, mistiche, provate, dei suoi viaggi vicini  e lontani .

La libertà dell’animo e non solo tra le catture di Eliseno Sposato, che ha nelle nuvolela sua massima espressione , riproponendole come fa nella narrativa lo scrittore  sanpietrese Aldo Mazza, come silenziose testimoni di una libertà inafferrabile e per tanto elezione dello spirito.

Lo studio del movimento anima invece i sei scatti di Giulia Brancati , che alla luce dei suoi diciassette anni, fa suo il concetto di “sogni animati”, nelle sue opere frazioni di città come ricordi sfuggenti, alienabili figure dei sogni , pronti ad essere fruiti, prima che l’attimo successivo li porti via cancellandoli forse per sempre, al suo obiettivo l’arduo compito di fissarli anche in movimento.

Il tutto in un contesto , quello del chiostro del convento di San Domenico , che porta il visitatore ad azzerare le sue percezioni sensoriali pronto a raccoglie ciò che gli artisti suggeriscono, sperimentano, un vero passo verso l’oltre.

Da ricordare nello stesso chiostro , qualche mese fa,  la personale di uno degli ideatori di “Per le antiche strade”, Ercole Scorza  che  pare ancora aleggiare per gli ambienti  segnando il percorso comune  dei cinque artisti cosentini pronti  ad arricchire gratuitamente come gratuito è l’ingresso alla mostra i visitatori, proponendo positive evoluzioni  e profittevoli  cambiamenti.

articolo di Tommaso Orsimarsi

Annunci

Un pensiero su “Collettiva “Percorsi” – Cosenza dal 26 giugno al 25 luglio

  1. mi kiamo claudia leuterio, nata e cresciuta a cosenza ma x lavoro,costretta a vivere al nord.. vorrei lasciar ank’io un commento in merito:
    Un bell’articolo, per una bella mostra, nella mia città!
    E’ certamente da visitare, come è da leggere il libro di Maria Francesca Garritano, in arte Mary Garrett dal titolo “La verità, vi prego, sulla danza”, con le foto di Daniela Rende.
    Come ben descritto con poche parole dallo scrittore Tommaso Orsimarsi ,nell’articolo, fatica, impegno, dedizione,sono le componenti che hanno portato la Garritano dalla cittadina bruzia al palcoscenico della Scala di Milano. Ma ogni risultato quando è raggiunto con le proprie capacità e con i propri sacrifici non si fa , scrupolo, anche quando deve sollevare dal suo stesso mondo la coltre che nasconde scomode verità.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...