Sia libero Zhu Yufu. Ora.


(La lotta del popolo per ottenere la libertà

prima o  poi trionferà.

 Anche se dobbiamo pagare col sangue.

E perchè sei fuggito di  fronte ai carri?

Non volevo un sacrificio inutile

Gao Xingjian, La fuga)

Facciamo nostro l’appello del Gruppo EveryOne del poeta Roberto Malini perché cessi la detenzione del poeta cinese Zhu Yufu.

L’appello è stato già trasmesso al governo cinese,  alle Nazioni Unite e al Parlamento Europeo.

IL POETA CINESE ZHU YUFU TORTURATO IN CARCERE.

IL GRUPPO EVERYONE SI APPELLA AL GOVERNO PER LA SUA LIBERAZIONE.

di Roberto Malini

Roma/Pechino, 29 giugno 2012. Il poeta e difensore dei diritti umani cinese Zhu Yufu (58), arrestato dalle autorità cinesi lo scorso febbraio e condannato a sette anni di detenzione per una poesia diffusa attraverso Skype ad amici e colleghi, sarebbe stato sottoposto ripetutamente a torture fisiche e farmacologiche, secondo fonti locali. La poesia per cui ha subito la pesante condanna detentiva si intitola “E’ tempo” ed è un inno alla libertà. Eccone una strofa:

E’ tempo, gente della Cina! E’ tempo.
La Cina appartiene a tutti.
Seguendo il vostro cuore
è tempo che scegliate come dev’essere questo paese.


Zhu Yufu ha già trascorso in prigione nove degli ultimi 13 anni e la lunga detenzione, caratterizzata da un regime carcerario durissimo, maltrattamenti e torture, ha minato la sua salute. Alle organizzazioni umanitarie è proibito visitarlo nel centro di detenzione. Il Gruppo EveryOne ha inviato un appello al governo di Pechino affinché vengano interrotte immediatamente le barbariche torture inflitte a Zhu Yufu e il poeta sia liberato. “Zhu Yufu è innocente e un governo che ha paura di una bella poesia, un governo che perseguita i suoi poeti, i suoi artisti, i suoi filosofi è un regime disumano, dai piedi di argilla,” scrive EveryOne nella sua petizione. “Ecco perché vi chiediamo di attenervi ai principi fondamentali della civiltà umana e di restituire a Zhu Yufu i beni della libertà e della dignità, che gli sono stati sottratti iniquamente. La Cina, nella storia, ha sempre protetto i suoi grandi poeti, i quali, anche quelli che cantavano la libertà quale ambizione suprema dell’essere umano. ‘Allungo la mano, afferro le costellazioni’ recita una poesia di Li Po (Suiye, 701 – Chang Jiang, 762), che vedeva la libertà come condizione basilare del pensiero e dell’arte”.

Annunci

6 pensieri su “Sia libero Zhu Yufu. Ora.

  1. l’appello dovrebbe essere pronunciato anche qui dove la demo-crazia (demo in greco significa POPOLO) è diventato un cratere in cui la ente brucia come paglia di una messe di cui si cibano i mostri del mercato.

    Rispondi
  2. Come si può non condividere e sottoscrivere questo appello? Un governo democratico dovrebbe rifiutarsi di avere scambi commerciali e culturali con una Nazione che usa la tortura su un qualunque prigioniero, figuriamoci se viene inferta ad un uomo colpevole di pensare. Ma le democrazie non sono più tali perchè schiave del potere finanziario sovramondiale. Si difende con le armi un popolo oppresso solo quando è conveniente per ben altri motivi, immaginiamoci se ci si “compromette” per un poeta.

    Rispondi
  3. Opponiamoci con tutte le nostre forze e invochiamo anche il Pontefice a fare altrettanto più che con un appello pubblico anche con i suoi “canali personali” che, per interventi di carattere umanitario, sono notoriamente molto efficaci.Grazie Fernirosso

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...