Inediti di Sandro Battisti


LatHEX

I segni di pelle nera sono presenti
insieme alle tue stimmate psichiche
su questo tavolo da obitorio dove versi
i tuoi umori lascivi e impuri di quantistica
natura.

Giri e stravolgi la visione, ora sei dentro
da dentro
e vomiti piacere in formato compresso
troppo breve per essere dimenticato realmente
troppo sfilacciato per essere poi slabbrato dentro
i tuoi orifizi neri abissali dilatati.

Pogrom

Tracce, orme, segnali
di un passaggio sul pack
prima dello sgretolamento finale.

Prima che io scompaia
qualcuno sarà falciato dalla mia purissima
rabbia esadecimale
non si conteranno più i bit di carne quantistica.

Il lamento del postumano

L’insieme dei colori è solo una vibrazione
somma di vibrazioni
istanti che si storizzano nelle cellule riconvertite che non riescono più a morire
non riesco più a trovare la pace finale.

Biografia

Sandro Battisti (Roma, maggio 1965) è un autore di fantascienza italiano.

È uno dei fondatori del movimento letterario del connettivismo. È tra gli autori pubblicati dalla Giulio Perrone Editore nell’antologia di racconti Noir no War, nell’antologia connettivista Supernova Express (Ferrara Editore), nella Frammenti di una rosa quantica (Edizioni Kipple) – la seconda antologia del Movimento – e in Notturno alieno (Bietti editore); per la Graphe.it è uscito in eBook col racconto La mappa è una contrazione e con EDS col racconto L’elemento quantistico e Alieni in Roma, da un tempo spostato. È curatore (e autore di un racconto) per la terza antologia del Connettivismo A.F.O. – Avanguardie Futuro Oscuro (EDS e Kipple/Avatar). Collabora con il sito Fantascienza.com, mentre è tra i cofondatori della fanzine NeXT che ora dirige. È sceneggiatore di fumetti per la Cagliostro ePress e, assieme ad altri connettivisti, ha scritto il cortometraggio La trentunesima ora, partecipandoci come attore non protagonista. Nel 1991 ha pubblicato un racconto sui Mille Lire di Stampa Alternativa dal titolo Il gioco e da qualche anno si dedica allo sviluppo della saga dell’Impero Connettivo, ovvero uno Stato modellato sull’esempio dell’Impero Romano, in cui il dominio si estende sia sullo spazio ma anche sul tempo; a capo di quest’impero vi è una stirpe di alieni semieterni, causa prima dell’umanità e poi della postumanità.

Nel 2010 entra a far parte della Kipple Officina Libraria come coeditor (insieme a Francesco Verso) della collana Avatar, ed è anche editor della collana Connectiva per la Edizioni Diversa Sintonia. Per Kipple è uscito con alcuni racconti e versi, mentre con EDS con il romanzo scritto insieme a Marco Milani, PTAXGHU6. Conduce un programma radiofonico, Tersicore, su radionation.it.

http://hyperhouse.wordpress.com/

Annunci

9 pensieri su “Inediti di Sandro Battisti

  1. ospitiamo sandro battisti con estrema gioia.
    le sue parole sono codificazioni elettrificate dell’anima.
    ma anche una sorta di cordone ombelicare con lo spazio che ci attende.

    Rispondi
  2. Mi piace questo uso del linguaggio. E’ forse la cosa che più risalta in queste poesie ma non per questo viene meno il senso che pure mi attrae. Un impulso in più per creare un articolo sull’uso smodato dei “soliti” termini ormai depressi e svuotati.

    Rispondi
  3. Pingback: Miei versi su WSF « HyperHouse

  4. E’ una ricerca di ritmi e tempi nuovi.
    Troppobreve, tropposfilacciato, lasomma, c’è convulsione. Come si immagina un possibile futuro, convulso e senza nessuna certezza.
    Cercherò di recuperare il tuo cortometraggio, non ne conoscevo l’esistenza, ma anche questo è futuro!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...